Questo sito contribuisce all'audience di

L'Alsenese vince il derby e conquista la matematica salvezza. Per la Canottieri importante balzo verso i play off. VIDEO

Bel successo anche per il Gossolengo che supera Olginate e si rilancia in chiave spareggi-promozione

La gioia dell'Alsenese che ha conquistato la certezza matematica della B2 anche per la prossima stagione

ALSENESE-FIORENZUOLA 3-1 Il derby visto da Alseno

Missioni compiute: derby vinto e salvezza matematica. Una notte magica che tutto il popolo gialloblù sperava di vivere e che ora è una splendida realtà: nel corso della ventitreesima giornata, decima di ritorno, la Conad Alsenese batte per 3-1 (26-24, 25-22, 21-25, 25-18) la Pavidea Fiorenzuola e, grazie anche alle sconfitte del Sanda Brugherio (2-3 interno con Cusano) e del Delta Engineering Gorgonzola (0-3 a Cinisello), sale all'ottavo posto a quota 32 toccando il decisivo +10 sulla quartultima diventando irraggiungibile per brianzole e milanesi a tre turni dal termine. La squadra di patron Stiliano Faroldi ha di che gioire dopo aver disputato una prestazione al limite della perfezione: doma le avversarie nel punto a punto finale del primo set, scampa all'ennesimo episodio sfortunato dell'annata quando la caviglia sinistra di Losi si gira ad inizio secondo set, incappa nell'unico neo quando allenta l'intensità cedendo nel terzo set sprecando sei punti di vantaggio ed infine completa l'opera nella quarta frazione prendendosi così anche la rivincita dal tie break immeritatamente perso all'andata. Un cerchio che Fanzini e compagne volevano chiudere fortissimamente da quattro mesi. Ed orgogliosamente volevano conquistare il prima possibile l'obiettivo stagionale: una salvezza sofferta – per la maggior parte del campionato, a volte anche troppo – diventata tale dopo i travagliati mesi iniziali con tanti infortuni (alcuni pesanti), trasformatasi prima in una zavorra mentale e poi in un profondo stimolo psicofisico.

Una salvezza meritata, supportata da numeri inequivocabili, dopo aver toccato il fondo dell'ultimo posto alla settima giornata: nelle dieci gare del girone di ritorno la Conad Alsenese ha ottenuto sei vittorie piene e quattro sconfitte per un totale di 19 punti, che ne fanno la quarta migliore squadra, con un ritmo da playoff. Motivi per considerare e festeggiare questa permanenza in serie B2 allo stesso livello di un piccolo scudetto ce ne sono eccome. Ed anche per esserne più soddisfatti.

La partita – Il derby tra Alsenese e Fiorenzuola mette in palio punti pesanti da ambo le parti: per la possibile salvezza matematica per le padrone di casa, per una più tranquilla corsa ai playoff per le ospiti. Marco Scaltriti propone il solito sestetto con Losi-Peretto in diagonale, Fanzini-Candio in posto quattro, Fava-Rovellini al centro e Gorreri libero mentre Marini risponde con Nicoli al palleggio, Dalpedri opposto, Donida-Tosi in banda, Cattaneo-Reverberi centrali e Coti Zelati libero.

L'avvio è tutto di marca fiorenzuolana (5-9 e relativo time out Conad) ma le gialloblù si dimostrano subito reattive tanto in prima quanto in seconda linea mantenendo sempre viva la palla. Fanzini firma il pareggio a quota 12 dando il la al sorpasso che avviene poco alla volta (18-14, 22-20) prima che un errore di Peretto porti la situazione ai vantaggi. L'oltranza dura poco: Tonini inserita apposta al servizio sbaglia e dall'altra parte Fava trasforma una freeball per il 26-24.

Il secondo set inizia come il primo, anzi peggio per le alsenesi che perdono Losi per una brutta distorsione alla caviglia sinistra (4-5), prontamente sostituita da Visconti, grande ex dell'incontro e desiderosa di disputare una grande prova. Lo farà prima di cedere nuovamente il posto alla compagna a metà del quarto parziale. Intanto la Conad fotocopia la rimonta del parziale precedente, toccando il 9-9 con un errore di Donida e trovando il primo vantaggio con Fanzini sul 20-19 dopo un lungo punto a punto. Il finale si gioca anche sul piano tattico con time out chiamati da entrambi gli allenatori prima di alcuni turni in battuta, ma è ancora capitan Fanzini a mette la propria griffe per il 25-22. L'inerzia ora è tutta dalla parte dell'Alsenese, che approccia il terzo parziale con grande determinazione assestando un primo break: da 0-3 a 6-4. Le gialloblù danno il secondo colpo alle ospiti con due ace di Visconti consecutivi che valgono il +6 (14-8) cercando di affondare quello del kappao di lì a poco. Lo sforzo si fa sentire, la Conad cala l'intensità, Fiorenzuola non è squadra da farsi pregare ed ecco che la situazione torna in equilibrio sul 18-18. Un doppio attacco di Dalpedri fissa il 20-22 ed il muro di Reverberi decreta il 21-25.

Adesso diventa una questione di opere da completare: in casa Alsenese per la partita in corso e per quella dell'andata che ha lasciato amaro in bocca, Fiorenzuola per arrivare ad un nuovo tie break e sperare. La contesa durerà di fatto solo metà set, durante la quale il vantaggio delle gialloblù farà da elastico (4-3, 8-5, 11-8, 13-12, 16-13) prima di diventare più rassicurante col passare dei minuti. Dalpedri riporta le sue ad un'incollatura (17-16) obbligando Scaltriti al tempo discrezionale ma sarà il canto del cigno delle ospiti: Rovellini, Fanzini e due muri di Fava fissano il 23-16 facendo impazzire il tifo delle padrone di casa. Un'indomita Tosi allunga l'agonia di Fiorenzuola con due attacchi vincenti, ma è capitan Fanzini a mettere la parola fine con il 25-18 per un meritato 3-1. Diventerà anche, qualche minuto più tardi dopo aver controllato i risultati dagli altri campi, il colpo della matematica salvezza. La festa gialloblù ora può davvero iniziare.

L'intervista – L'ultimo punto, l'esultanza, le foto per i social ed infine, circa un quarto d'ora dopo anche la conferma definitiva, ufficiale: è salvezza matematica a tre giornate dalla fine. La Conad Alsenese fa un “all-in” come un esperto giocatore di poker centrando in un colpo solo una favolosa vittoria nel derby in casa contro Fiorenzuola e l'obiettivo stagionale. Ma non è finita qui, non bisogna smorzare l'entusiasmo perchè c'è un finale di campionato da onorare. Di tutto questo è convinto anche Marco Scaltriti che, a fine partita, vinta o persa che sia, ha sempre bisogno di un minuto in solitaria per metabolizzare. Il tecnico parmense siede sulla panchina alsenese dal 2013/14 (serie D), ha conquistato tre promozioni consecutive con squadre quasi sempre costruite per tornei di vertice ma sia per lui sia per la società questa salvezza rappresenta qualcosa di più, proprio perchè raggiunta in mezzo a difficoltà e sfortune che negli anni precedenti non si erano mai verificate. «Il nostro obiettivo di stasera non era battere Fiorenzuola perchè era il derby, ma era quello di fare tre punti importanti per avvicinarci il più possibile alla salvezza. Sono molto contento della prestazione delle ragazze, volevamo riscattare anche tutto quello che era successo all'andata, tra partita persa al tie break ai vantaggi e infortunio di Gorreri. Queste motivazioni ci hanno dato quella spinta in più per affrontare un'ottima squadra come Fiorenzuola, in lotta per i playoff e venuta ad Alseno per fare risultato, di conseguenza vincere contro di loro è un grande merito. Nel secondo set avevo temuto il peggio per l'infortunio di Losi, rivivendo la situazione dell'andata ma non è andata così perchè abbiamo mantenuto ugualmente molto alta l'intensità, tanto che nel terzo set non appena l'abbiamo calata loro ci hanno fatto male e hanno vinto. Peccato perchè in quel frangente non abbiamo amministrato a dovere sei punti di vantaggio però non ci siamo perse d'animo e nel quarto parziale non abbiamo più sbagliato nulla. Ora, anche se siamo già salve, vogliamo finire il campionato con questo entusiasmo, onorandolo e cercando di toglierci altre soddisfazioni».

CONAD ALSENESE-PAVIDEA ARDAVOLLEY FIORENZUOLA 3-1

(26-24, 25-22, 21-25, 25-18)

CONAD ALSENESE: Losi 1, Peretto 12, Fanzini 17, Fava 13, Candio 12, Rovellini 5, Gorreri (L); Nartelli, Visconti 3. N.e.: Cabassa, Zambelli, Congedi. All.: Marco Scaltriti, v.all. Marco Marci.

PAVIDEA ARDAVOLLEY FIORENZUOLA: Donida 10, Cattaneo 4, Nicoli 1, Reverberi 10, Tosi 22, Dalpedri 14, Coti Zelati (L); Tonini. N.e.: Ciani, Morelli, Milosevic, Gandolfi (L). All.: Roberto Marini, v.all. Emanuele Piccoli.

ARBITRI: Alessio Lambertini, Antonella Zaccaria

NOTE: Durata set: 30', 27', 29', 26'. Totale: 1h52'.Ace: Conad 7, Pavidea 1. Muri: Conad 6, Pavidea 8. Attacco: Conad 35%, Pavidea 33%. Ricezione: Conad 54%, Pavidea 62%.

Risultati partite 14 aprile 2018 – 23a giornata B2 femminile – girone B

Acciaitubi Picco Lecco-Tomolpack Marudo 3-0

Csv Ra.Ma.Ostiano-Esperia Cremona 3-0

Uniabita V.Cinisello-Delta Engineering Gorgonzola 3-0

Sanda Volley Brugherio-Ceramsperetta Cusano 2-3

Busa Tras.Gossolengo-Elevationshop.Com Olginate 3-1

Memit Pgs Senago-Euro Hotel Resid.Monza 3-0

Conad Alsenese-Pavidea Ardavolley Fiorenzuola 3-1

Classifica: Acciaitubi Picco Lecco 59, Csv-Ra.Ma.Ostiano 53, Pavidea Ardavolley Fiorenzuola 48, Busa Tras.Gossolengo 46, Elevationshop.Com Olginate 45, Uniabita V.Cinisello 43, Tomolpack Marudo 36, Conad Alsenese 32, Ceramsperetta Cusano 28, Esperia Cremona 27, Sanda Volley Brugherio 22, Delta Engineering Gorgonzola 22, Euro Hotel Resid.Monza 12, Memit Pgs Senago 10.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento