Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Nordmeccanica, prenditi la finale scudetto

Inutile guardarsi indietro, pensare alla scintillante Nordmeccanica di gara1 o all’occasione non sfruttata nel primo match point giocato al PalaBanca venerdì scorso. Il passato è alle spalle, Piacenza deve concentrarsi solamente sull’incontro...

Giulia Leonardi, perno della difesa e della ricezione di Piacenza (f. Rovellini)
Inutile guardarsi indietro, pensare alla scintillante Nordmeccanica di gara1 o all’occasione non sfruttata nel primo match point giocato al PalaBanca venerdì scorso. Il passato è alle spalle, Piacenza deve concentrarsi solamente sull’incontro decisivo, quello che la vedrà di fronte a Bergamo domenica alle 20.30 e che assegnerà un posto nella finale scudetto con Conegliano. La sconfitta subita per mano di Lo Bianco e compagne deve aver insegnato alle biancoblù sostanzialmente due cose. La prima: la Foppapedretti ha caratteristiche di gioco ben precise, una difesa ad altissimi livelli (messa in mostra anche in gara1, nonostante la battuta d’arresto) e alcune giocatrici capaci di cambiare la partita anche partendo dalla panchina. Venerdì è toccato a Sylla entrare e rivoluzionare la gara, se domenica l’azzurra sarà schierata nel sestetto titolare Lavarini avrà Plak come arma da sfruttare in caso di bisogno. E nessuno dimentica come l’olandese abbia trascinato le compagne durante la finale di Coppa Italia.

Il secondo aspetto invece è tutto dalla parte della Nordmeccanica. La squadra di Gaspari venerdì non ha giocato un grande incontro, ha difeso in modo poco deciso e soprattutto è risultata deficitaria sulle rigiocate, commettendo troppi errori pesanti. Eppure, nonostante una partita complessivamente non al top, Piacenza si è portata avanti 1-0 e nel quarto set ha avuto anche il pallone del 20-17 che, se concretizzato, probabilmente avrebbe allungato il confronto fino al tie break. Sintetizzando: le biancoblù hanno avuto l’occasione di chiudere la serie in due soli incontri pur non mettendo in mostra un gioco perfetto. Per agguantare la finale dunque non servirà né un miracolo e neppure un’impresa, bisognerà semplicemente disputare una buona partita.

Provando, se possibile, a crescere soprattutto in difesa e ad avere pazienza, mettendo in conto che la Foppapedretti obbligherà spesso le padrone di casa ad attaccare più volte prima di trovare il punto. Vietato innervosirsi e soprattutto vietato commettere errori in momenti decisivi della gara. Al resto dovranno pensare le qualità tecniche, indiscusse, delle biancoblù e anche un PalaBanca che dovrà trascinare la squadra verso la terza finale in quattro stagioni.
Domenica dalle 20.30 segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuova mazzata sullo sport: chi ha il Covid deve stare fermo almeno due mesi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

Torna su
SportPiacenza è in caricamento