Questo sito contribuisce all'audience di

La Serie A, la maglia dell'Italia e il sogno dei Mondiali. Francesca Imprezzabile: «Io lavoro per quello». VIDEO

La piacentina, classe 2001, si sta mettendo in luce con il Florentia nella massima serie. «Voglio trasformare la mia passione in un lavoro»

Francesca Imprezzabile è alla sua prima stagione con il Florentia San Gimignano (f. florentiasangimignano.it)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Piacenza alla Serie A incrociando la strada di tutte le nazionali giovanili. Ma Francesca Imprezzabile, centrocampista del Florentia che si sta ritagliando uno spazio importante nel calcio che conta, è una che di carattere non si accontenta. «L’obiettivo? Voglio fare della mia passione un lavoro e mi sto impegnando al massimo per raggiungere il traguardo». Le si illuminano gli occhi quando si chiede se il sogno di calciatrice è la partecipazione ai Mondiali. Resta un attimo in silenzio, poi abbozza un sorriso e spiega: «Io lavoro per quello».

Classe 2001, esordio in Serie A con la maglia del Sassuolo due stagioni fa, Francesca vanta presenze con l’Italia Under 17 e con l’Under 19 e quest’anno nella massima serie veste la casacca del Florentia San Gimignano. Sarebbe ancora in età per giocare nella Primavera, ma le sue caratteristiche hanno portato i tecnici toscani a inserirla da subito nella rosa della prima squadra.

«Ho iniziato con il calcio nella squadra del mio paese - racconta Francesca - per poi passare al Pro Piacenza maschile e compiere il grande salto nel settore femminile del Brescia. Dopo una stagione è arrivato il trasferimento al Sassuolo dove sono rimasta quattro anni e ora sono impegnata nella mia prima esperienza effettiva in Serie A con il Florentia, società con cui mi sto trovando molto bene».

Quali sono le tue ambizioni?

«Ne ho parecchie e non sono obiettivi semplici. L’esordio nella massima serie l’ho vissuto abbastanza tranquillamente, mentre quest’anno la mia prima gara da titolare è stata l’emozione più sentita. Ma vivo tutto in modo sereno, poi toccherà a me parlare in campo».

Che differenza c’è fra giocare con il club e vestire la maglia della nazionale?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Indossare l’azzurro è una responsabilità non da poco, va vissuta e gustata con calma, perché se pensi di voler dimostrare troppo non ne esci».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • La Gas Sales Bluenergy va a singhiozzo, Padova vince 3-1. Biancorossi fuori dalla Coppa Italia

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

  • Omicidio a Lecce, ucciso l'arbitro Daniele De Santis. Aveva arbitrato il Piacenza quattro volte negli ultimi anni

  • Lorenzo Bernardi nuovo allenatore della Gas Sales Bluenergy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento