Questo sito contribuisce all'audience di

Triptherapy, il viaggio di Pelizzeni compie 500 giorni

Trip Therapy compie 500 giorni. Il giro del Mondo del piacentino Claudio Pelizzeni arriva al giro di boa ed è lui stesso a raccontarci le difficoltà, gli stati d'animo e le avventure di carattere sportivo che ha compiuto da quando è partito, nel...

Il vulcano Acatenango (3976 mt) visto sul Vulcano de Fuego (Guatemala)
Trip Therapy compie 500 giorni. Il giro del Mondo del piacentino Claudio Pelizzeni arriva al giro di boa ed è lui stesso a raccontarci le difficoltà, gli stati d'animo e le avventure di carattere sportivo che ha compiuto da quando è partito, nel maggio del 2014. Un percorso che Claudio Pelizzeni spiega giorno per giorno sul suo blog triptherapy.net attraverso articoli e video; e che riscuote sempre più successo. «Cinquecento giorni è un bel giro di boa - ci ha detto - e sotto il profilo sportivo le sfide più impegnative sono stati i trekking in Cina e Guatemala».

PERCORSO - «Cinquecento giorni è un bel giro di boa - spiega Claudio Pelizzeni - sembrano tanti, ma in realtà sono passati molto velocemente. Il giro del mondo senza aerei procede senza grossi intoppi e così dopo 27 nazioni tra Asia, Australia e Nord America mi sto avvicinando al Sudamerica per poi chiudere la mia avventura in Africa».

DIFFICOLTÀ - «Le più grandi difficoltà le ho incontrate in Asia, senza alcun dubbio. I visti e l'attraversamento delle frontiere a piedi non è assolutamente semplice. Probabilmente il passaggio fondamentale è stata la frontiera India/Birmania dove solo pochissime persone sono passate.
Inoltre arrivare e lasciare l'Australia, uno stato meraviglioso, ma con stringenti politiche immigratorie. L'ho raggiunta grazie ad un cargo mercantile da Hong Kong e sempre grazie ad un cargo ho attraversato l'intero oceano pacifico per 26 giorni fino a giungere in Canada. Quest'ultimo viaggio è stato molto duro a livello mentale poiché ho trascorso quasi un mese senza contatti con il mondo con l'orizzonte che non cambiava mai. Ne ho approfittato per iniziare a scrivere un libro su questa incredibile avventura».

SPORT - «Dal punto di vista sportivo le sfide più gratificanti sono state le immersioni nel Blue Hole del Belize con grandi squali, mentre le più impegnative sono state i trekking. I più duri non sono stati sull'Himalaya come si potrebbe pensare, bensì in Cina e in Guatemala. In Cina ero ancora un inesperto e a causa di ciò, oltre alle mappe cinesi di difficilissima comprensione, ho avuto momenti molto difficili sul monte Emai. Da 400 metri fino a 3000 in tre giorni, passando dalla giungla umida al freddo secco dormendo in antichi monasteri buddisti. In Guatemala ho invece sfiorato per la prima volta della mia vita i 4000 metri in ascesa su un vulcano, l'Acatenango.
Le difficoltà qui sono state proprio sportive poiché la partenza era a circa 2200 e l'arrivo a 3976 metri. Il tutto in una giornata dove la conformazione del vulcano non dava scampo in quanto ho percorso il tracciato interamente in salita senza momenti di piano o discesa. Un massacro, ma la vista all'alba è stato un premio gratificante».

E ORA? - «Ora mi trovo in Nicaragua e sto esaurendo la zona centrale americana - conclude Claudio - poi volgerò fino al profondo sud, fino alla fine del mondo a Ushuaia in Patagonia. Prima di questa destinazione appuntamento obbligato con un altro importante trekking: i 5 giorni dell'inca trek in Peru per raggiungere Matchu Pitchu, il cui arrivo è previsto il 20 gennaio. Dalla Terra del Fuoco risalirò alla volta di Argentina e Brasile dove vorrei assistere ai Giochi Olimpici di Rio 2016. A quel punto mancheranno circa 200 giorni al mio ritorno che trascorrerò in Africa, da sud a nord.
I repentini cambiamenti geopolitici africani non mi hanno ancora permesso di programmare l'itinerario. Una tappa non vorrei mancare: l'ascesa al Kilimangiaro».

Il viaggio sul blog triptherapy

Il viaggio sul canale youtube

Triptherapy sui social

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Luis Centi, l’allenatore “eroe” del Carpaneto salva la vita a una ragazza che stava annegando in Trebbia

  • Serie C - Si parte: Monza, Triestina e Bari favorite, ma in tutti i gironi c'è molta competitività

  • LIVE Il Piacenza supera di misura 1-0 la Pro Vercelli in amichevole. Decide una rete di Pergreffi

  • Il Piacenza doma la Pro Vercelli con un gol di Pergreffi. Domenica l'esordio in campionato contro l'Arzignano

  • Piacenza - Prosegue la posa degli 11mila seggiolini biancorossi allo stadio Garilli. FOTO

  • Calciomercato - Piacenza: dal Milan arriva il giovane attaccante Riccardo Forte

Torna su
SportPiacenza è in caricamento