Questo sito contribuisce all'audience di

Sport di contatto, via libera da undici regioni. Casasco (Medici Sportivi): «Favorevoli alla ripresa», ma Bonaccini per ora tace

Italia divisa a metà, i dati della Sicilia (la prima a riprendere il 20 giugno) confermano che i rischi attualmente sono ridotti. Interrogazioni di Rancan e Tagliaferri per far ripartire tutte le discipline

Aumenta l’elenco delle Regioni che hanno dato il via libera a tutti gli sport, compresi quelli di contatto, adesso anche il presidente dell’Associazione Medici Sportivi annuncia ufficialmente che «la decisione del Ministro della Salute è di eccessiva prudenza», ma da Bologna non arriva nessuna presa di posizione e Stefano Bonaccini continua a non esporsi sull'argomento. Ormai l’Italia è divisa a metà: undici Regioni hanno concesso ufficialmente il via libera a tutte le discipline, compreso calcetto, beach volley, basket e arti marziali. Non è nemmeno una questione politica, perché i presidenti sono sia di centrodestra sia di centrosinistra: a Sicilia, Abruzzo, Veneto, Marche, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Campania (dove si partirà il 6 luglio) si sono aggiunte nelle ultime ore anche Lazio e Toscana, mentre dal 10 luglio partirà pure la Lombardia. Vale a dire che fra una decina di giorni i piacentini potranno andare a giocare a Codogno e farlo nel rispetto delle norme mentre, se non cambierà niente, lo sport di contatto continuerà a essere vietato nel nostro territorio.

I motivi di questa mancata decisione sono a oggi poco comprensibili: è probabile che da Bologna si attenda che siano altri (il Governo o il Comitato Tecnico Scientifico) a compiere un passo in avanti per poi accodarsi successivamente. Adesso anche Maurizio Casasco, presidente della Federazione Medici Sportivi, a lungo cauto sulla possibilità di ripartenza, ha espresso un'idea molto chiara a favore della riapertura. «Siamo d’accordo con il ministro dello sport Spadafora per una ripresa di tutte le attività; la posizione del ministro della Salute ci sembra di eccessiva prudenza. Non si può pensare che ci siano movide o feste in piazza per le partite di calcio e non si possa tornare a fare sport. I nostri giovani rischiano l’obesità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre ai pareri medici ci sono anche i dati a confermare che la ripartenza non è, allo stato attuale, pericolosa, ovviamente se fatta con le dovute precauzioni. Prendiamo le cifre della Sicilia, la prima a ripartire il 22 giugno e quindi ormai a pochissimi giorni dalle fatidiche due settimane previste per l’incubazione del virus. Se guardiamo i numeri del 22 giugno e quelli di ieri si capisce che sono praticamente identici: i positivi sono passati da 132 a 134, i ricoverati totali da 22 a 20, quelli in terapia intensiva scesi da 5 a 3 e i casi totali da 3073 a 3090 con i tamponi saliti da 194mila a 214mila.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Ecco i possibili gironi di Serie D, Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Dilettanti, i campionati ripartono la prima domenica di ottobre: definite le partecipanti ai vari gironi oltre a promozioni e retrocessioni per tutte le categorie

  • Serie C - Ecco le possibili composizioni dei Gironi A, B e C per la stagione 2020/2021

  • Ripresa del calcio dilettantistico e giovanile: c'è il protocollo sanitario della Lega Nazionale Dilettanti

  • Di Battista: «Rosa ancora a metà». In arrivo Heatley, Daniello, il portiere Sposito e tre giovani dall'Atalanta

  • Arrestato De Simone, l'ex AD del Trapani. Nel mirino l'anno della promozione con la finale vinta contro il Piacenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento