menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una attività scolastica in una foto di repertorio

Una attività scolastica in una foto di repertorio

Nuova ordinanza di Bonaccini: a scuola si potrà fare ginnastica ma solo all'aperto

Da sabato 28 novembre cambiano alcune regole. Rimane invece il divieto di svolgere attività fisica in centro storico e in zone affollate

Nuova ordinanza regionale di Stefano Bonaccini, Presidente dell'Emilia-Romagna. A livello sportivo cambia una sola cosa ma importante: la possibilità di svolgere attività fisica a scuola anche se esclusivamente all'aperto. Modifica importante, anche se alla fine di novembre, con temperature che almeno nella prima mattinata sono prossime allo zero diventerà difficile consentire ai più piccoli di effettuare regolarmente l'ora di educazione fisica.

Rimane il divieto di effettuare attività sportiva e motoria nei centri storici e nelle aree affollate.

Le misure previste

Accanto alle minori restrizioni, l’ordinanza di oggi prevede comunque limitazioni specifiche che permangono e si aggiungono a quelle del Dpcm del 3 novembre per le cosiddette zone arancioni.

Come previsto dal Dpcm, nei giorni festivi e prefestivi, gli esercizi commerciali insediati nell’ambito di centri commerciali, di aree commerciali integrate e di poli funzionali restano chiusi al pubblico, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi e edicole. A queste, in base all’ordinanza di Bonaccini, si aggiungono le grandi strutture di vendita non insediate all’interno di centri commerciali, aree commerciali integrate e poli funzionali: restano anch’esse chiuse al pubblico nei festivi e prefestivi, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, prodotti per la cura e l’igiene della persona e per l’igiene della casa, degli articoli di cartoleria e cancelleria, tabacchi e edicole.

Rimane sempre consentita, e anzi fortemente raccomandata, la vendita con consegna a domicilio.

L’esercizio su aree pubbliche o private delle attività di commercio al dettaglio nell’ambito dei mercati, nonché di attività di vendita nei mercati contadini, sarà consentita solo lì dove siano adottate le misure di mitigazione del rischio Covid previste nel protocollo regionale sugli esercizi di commercio al dettaglio in sede fissa e su aree pubbliche. E in ogni caso, resta raccomandata l’adozione di un apposito piano di controllo da parte del Comune.
In ogni caso, è vietato lo svolgimento di sagre e fiere di qualunque genere e di altri analoghi eventi. Inoltre, rimane vietato lo svolgimento dei mercatini degli Hobbisti e dei mercatini per la vendita o esposizione di proprie opere d’arte ed opere dell’ingegno a carattere creativo e similari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento