menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Spagnoli, Zamboni, l'assessore Cavalli, Orlandi e Bruno

Da sinistra: Spagnoli, Zamboni, l'assessore Cavalli, Orlandi e Bruno

Dal 15 giugno partono i camp estivi di Bakery e Lyons

Prosegue la sinergia fra le due società piacentine: un mese di sport sotto la guida di istruttori qualificati. L'assessore Cavalli: «Mi fa piacere che i presidenti Beccari e Pattarini abbiano voluto puntare su un discorso sociale»

L’iniziativa è stata presentata questo pomeriggio da Lorenzo Bruno, capitano dei Lyons e coordinatore del progetto camp estivi, dal tecnico Carlo Orlandi, da Simone Zamboni, responsabile del settore giovanile della Bakery e da Roberto Spagnoli, allenatore e responsabile marketing biancorosso. Al loro fianco anche Stefano Cavalli, assessore allo sport del Comune di Piacenza. «Non è un caso – ha spiegato proprio Cavalli – che la prima conferenza stampa ufficiale dopo il Covid arrivi per un’iniziativa di due società radicate sul territorio e che operano nel sociale con grande impegno. Piacenza vuole ripartire, quale miglior occasione che sfruttare un camp con ragazzi giovani organizzato da realtà serie e sempre operative. Anche la ridotta cifra di iscrizione, decisa dai presidenti Beccari e Pattarini, va incontro alle esigenze delle famiglie e questo è un altro segnale molto importante».

Illustrando le caratteristiche del camp (è possibile iscriversi sul sito www.piacenzasummersport.it), Orlandi ha sottolineato di aver nuovamente trovato «terreno fertile nella collaborazione fra Lyons e Bakery per dare la possibilità ai ragazzi di fare attività all’aperto dopo il bruttissimo periodo che abbiamo attraversato», mentre Zamboni ha parlato di «una bella sfida per far ripartire i nostri giovani. Arriviamo preparati, siamo pronti e organizzati nonostante non sia stato semplice sviluppare il programma rispettando tutte le limitazioni previste». Primo appuntamento il 15 giugno, poi si proseguirà ininterrottamente fino al 10 luglio. «Rispetto agli anni scorsi – sono le parole di Spagnoli – abbiamo dovuto ridurre il numero dei partecipanti proprio per rispettare tutti i protocolli e garantire la massima sicurezza sia a chi ha aderito sia agli istruttori, ma siamo sicuri che anche in questo modo il divertimento non mancherà». Chiusura per Bruno: «Per Piacenza è un passo importante; siamo stati fra le realtà più colpite e siamo fra i primi a ripartire. E’ un bel segnale per tutti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento