menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piacenza, così si fa davvero dura: altro pomeriggio bruttissimo. La Giana Erminio vince 2-0

Terza sconfitta consecutiva per i biancorossi, liquidati nel primo tempo dai gol di Pinto e Perna, decisiva l'espulsione di Pedone al 30'. Ora gli emiliani sono penultimi, hanno incassato 10 gol nelle ultime 4 partite e la squadra è in una preoccupante involuzione

datei_s-6Il campionato del Piacenza rischia di prendere una brutta piega. Il recupero contro la Giana Erminio era prima da vincere, per iniziare a scavare un piccolo solco in classifica e poi, col passare dei giorni, era diventato quantomeno da non perdere - viste le 14 assenze tra gli emiliani tra cui molti titolari, questo però non deve diventare un alibi. Il Piacenza, invece, sul campo di Gorgonzola non fa altro che confermare la preoccupante involuzione che l’ha investito nell’ultimo mese. La squadra non è più capace di segnare e di contro ne subisce troppi, con il 2-0 rimediato oggi i gol subiti salgono a 10 nelle ultime 4 partite, decisamente troppi (19 nel complesso) per una squadra che ambisce a salvarsi e sul piatto, a parte il tris contro il Renate, non si vedono gol da tre partite.
Manca il ritmo, questo è chiaro, e Manzo l’ha sempre detto - «questa squadra o tiene i ritmi alti o è destinata a fare molta fatica» - ma mancano anche le soluzioni per portare a case le «partite sporche» - per dirla alla Lunardon, il vice di Manzo - a tutto questo poi va unita una propensione alle sciocchezze che non fanno altro che complicare la vita. La Giana Erminio ha meritato il doppio vantaggio nei primi 25’, ma il Piacenza si è fatto male da solo addormentandosi di fatto sul raddoppio di Perna e poi con Pedone, già ammonito al 30’ ha commesso un fallo ingenuo e inutile a centrocampo: espulsione e partita dirottata verso i padroni di casa.
Ora la classifica piange davvero perché sebbene sia presto per fare calcoli - tra l’altro difficili visti i recuperi ancora in calendario - a oggi il Piacenza sarebbe penultimo con la seconda peggior difesa di tutto il campionato e un attacco che non è più in grado fare male.
E tanto per cambiare lunedì si gioca in posticipo in casa di un Como che punta ai piani altissimi della graduatoria, ci giocano gli ex Terrani, Ferrari e Bertoncini giusto per indicare il livello di difficoltà della prossima sfida che il Piacenza affronterà ancora con mezza squadra fuori. Questo è un punto da tenere senz’altro in considerazione, tuttavia con un rosa di ben 30 giocatori non può essere un alibi.

LEGGI QUI IL LIVE AZIONE DOPO AZIONE DELLA PARTITA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento