Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Copra Elior, via alle semifinali

Si inizia a correre veloce. Il traguardo è dietro un paio di tornanti uno più insidioso dell’altro, ma si inizia a sentire l’odore dell’arrivo. Ancora non si vede, perché è ben nascosto dalle curve, ma Piacenza non ha alcuna intenzione di sbandare...

Luciano De Cecco durante la sfida di campionato contro Perugia (f. legavolley.it)
Si inizia a correre veloce. Il traguardo è dietro un paio di tornanti uno più insidioso dell’altro, ma si inizia a sentire l’odore dell’arrivo. Ancora non si vede, perché è ben nascosto dalle curve, ma Piacenza non ha alcuna intenzione di sbandare prima del difficile, e lunghissimo, rettilineo conclusivo. Il netto 2-0 nei quarti contro Città di Castello è ormai lontano, anche se da un punto di vista temporale è arrivato solo una settimana fa, adesso iniziano le semifinali contro Perugia e per il Copra Elior il livello delle difficoltà aumenta.

SEGNO - Si parte dal PalaBanca domenica alle 18, in una sfida che non è da dentro o fuori, visto che si gioca al meglio delle cinque partite, ma comunque può segnare in modo importante tutta la serie. I biancorossi non si nascondono e lo ha confermato anche Zlatanov: Piacenza è favorita. Lo è per caratteristiche tecniche, per un secondo posto nella stagione regolare arrivato con otto punti di vantaggio sugli umbri e per i tre successi negli altrettanti scontri diretti stagionali, ultimo quello in finale di Coppa Italia.
Tutti i pronostici pendono dalla parte della formazione di Monti, ma nessuno commette l’errore di pensare che la qualificazione in finale sia cosa fatta. Non lo fanno i protagonisti esperti di Piacenza (Papi, Fei e Zlatanov sono i tre giocatori in attività con il maggior numero di play off disputati, 60 in totale) non cadono nel tranello nemmeno i più giovani. Contro Perugia i biancorossi hanno sempre vinto, ma mai dominato. E si sa che arrivati a questo punto dei play off i risultati della stagione regolare contano poco o niente.

CHAMPIONS - La semifinale oltretutto mette in palio anche un obiettivo importantissimo per giocatori, tifosi, società e sponsor: la qualificazione in Champions League. Ottenendo il pass per la finale Piacenza sarebbe certa di giocare anche il prossimo anno la manifestazione europea più importante, qualora invece fosse eliminata (tutti sono autorizzati a fare gli scongiuri) allora bisognerebbe sperare che Macerata superi Modena nell’altra sfida. Nel caso infatti a giocarsi lo scudetto fossero Modena e Perugia la squadra di Monti parteciperà alla prossima Coppa Cev, diritto ottenuto grazie al successo in Coppa Italia.
Insomma, come tutte le semifinali anche quella che parte domenica dal PalaBanca è ricca di emozioni, pathos e contenuti. Il Copra Elior ci prova proponendo, molto probabilmente, anche una staffetta. Kaliberda partirà nel sestetto, ma un problema a un tendine non gli permette di essere al top. Ecco allora che diventa possibile un cambio a gara in corso, con il tedesco a riposare in panchina e Zlatanov in campo. Per il resto giocheranno De Cecco in regia, Vettori opposto, Simon e Fei al centro, Papi sarà l’altra banda con Marra libero.
Domenica dalle 18 segui la diretta su www.sportpiacenza.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • La Gas Sales Bluenergy rischia il crollo, va sotto 2-0 poi recupera e batte Padova al tie break

Torna su
SportPiacenza è in caricamento