Questo sito contribuisce all'audience di

Molinaroli conferma: «Contatti con due imprenditori»

Le voci parlano di firma a un passo: per mantenere il Copra Elior in A1 si sussurra che manchino solamente i dettagli. Voci, appunto, che vanno prese come tali. Nelle ultime settimane le situazioni sono cambiate talmente tante volte, anche nel...

Molinaroli conferma: «Contatti con due imprenditori» - 1
Le voci parlano di firma a un passo: per mantenere il Copra Elior in A1 si sussurra che manchino solamente i dettagli. Voci, appunto, che vanno prese come tali. Nelle ultime settimane le situazioni sono cambiate talmente tante volte, anche nel giro di poche ore, che diventa impossibile avere delle certezze prima dei comunicati ufficiali. Sabato si è bilanciato il sindaco Dosi, parlando di «trattative in fase avanzata», suffragando l’impressione che le parti interessate abbiano imboccato la strada che porta al traguardo tanto agognato dai tifosi biancorossi.

INGRANAGGIO - A tirare il freno a mano ci pensa il presidente Guido Molinaroli: sa che i tempi sono strettissimi (tutto si deciderà nelle prossime ore, un paio di giorni al massimo) e sa anche che basta un granello di sabbia per bloccare un ingranaggio delicato. Logico dunque che non si voglia sbilanciare, anche se per la prima volta da qualche tempo a questa parte dalle sue parole si può cogliere un pizzico di ottimismo.
«Ho avuto contatti diretti con due imprenditori, questo posso confermarlo». Si parte bene, la notizia è di quella da sottolineare dopo il «silenzio asfissiante» dell’ultima intervista. «Nessuno - precisa il numero uno del Copra Elior - ha detto che entrerà a far parte della compagine societaria, ma entrambi hanno chiesto qualche giorno di tempo per valutare la situazione nei dettagli». Tradotto: la firma non c’è ancora, ma già il fatto che dopo tanti contatti telefonici mai concretizzati le parti si siano incontrate direttamente è già un considerevole passo avanti.

DUE PISTE - Di più dal presidente biancorosso non si riesce a sapere, il riserbo resta massimo; Molinaroli dice solamente che «con uno dei due ci siamo visti in Comune». Significa che al momento non c’è solamente una porta aperta, ma ce ne sono due. La prima è quella per cui stanno trattando gli amministratori, che lavorando in silenzio pare siano riusciti ad aprire uno spiraglio sul futuro del Copra Elior, la seconda invece è stata spalancata direttamente da Molinaroli. Proprio il fatto di avere due imprenditori interessati permette di spostare la lancetta dell’umore verso l’ottimismo: innanzitutto perché non si dipende da una sola opzione, quindi per il fatto che sarebbe possibile (se tutti fossero d’accordo) un’apertura a tre soci, Molinaroli e i due imprenditori, con eventuale esborso minore per tutti e dunque un accordo da raggiungere più facilmente.
«Le persone interessate - conclude il presidente per chiarire ulteriormente la situazione - vorrebbero entrare come soci, per rilevare tutta o in parte la società. Agli sponsor penseremo eventualmente in un secondo momento».
L’attesa prosegue, ma adesso il traguardo sembra molto più vicino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento