menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente biancorosso Guido Molinaroli

Il presidente biancorosso Guido Molinaroli

Molinaroli, la nuova Lpr fa il pieno di fiducia: «Ci divertiremo più dell'anno scorso»

Il presidente biancorosso in vista del raduno di mercoledì: «Abbiamo una squadra più equilibrata e, in avvio, maggiori certezze rispetto a dodici mesi fa». Allo studio abbonamenti in collaborazione con Pro Piacenza e Piacenza rugby

Non è stata un’estate tranquilla per l’Lpr volley. Ma il presidente Guido Molinaroli c’è abituato: da anni ormai i mesi che teoricamente dovrebbero essere i più rilassanti sono quelli che portano il maggior numero di preoccupazioni.

«A dire la verità - spiega il massimo dirigente biancorosso - di mesi “riposanti” ne ricordo pochi. La realtà è che i tempi cambiano, riconfermarsi diventa sempre più dura e ci sono tanti ostacoli da superare».

La questione PalaBanca è risolta in via definitiva?

«Per il momento abbiamo trovato una soluzione, ne riparleremo a fine agosto».

Mercoledì inizia ufficialmente la stagione. Qual è l’obiettivo della nuova Lpr?

«Sicuramente abbiamo una squadra più equilibrata dell’anno scorso sia come livello di gioco sia come palleggiatore. In avvio le certezze sono maggiori rispetto a dodici mesi fa: sappiamo di poter contare su Yosifov sicuramente in campo come centrale mentre Marshall ha preso nuovamente confidenza con il campionato italiano. Poi Parodi è completamente recuperato da un punto di vista fisico e possiamo contare su due giovani interessanti e promettenti come il senegalese Kody e lo statunitense-israeliano Hershko. Sono sicuro che disputeremo un buon campionato e ci divertiremo più dell’anno passato».

Eppure in pochi vi inseriscono alle spalle del quartetto di superfavorite. Ci sono altre formazioni che godono dei favori del pronostico quando si parla di outsider.

«Penso non sia così strano. Da due-tre stagioni non siamo fra le favorite nella corsa allo scudetto e abbiamo imparato a nostre spese che si fa presto a passare in secondo piano. Poi in seconda fascia ci sono formazioni del calibro di Milano e Vibo, che negli anni scorsi abbiamo quasi sempre battuto, cresciuti parecchio di livello».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento