rotate-mobile
Volley A1 maschile

La Corte di Appello Antidoping aumenta la squalifica a Polo: stop di 4 anni

Accolto in parte l’appello proposto dalla Procura Nazionale Antidoping, il centrale di Piacenza ritenuto responsabile di violazione intenzionale dell’art. 2.1 del Codice Sportivo Antidoping

La Corte Nazionale di Appello Antidoping accoglie in parte l’appello proposto dalla Procura Nazionale Antidoping, avverso la decisione pronunciata dal Tribunale Nazionale Antidoping il 26 luglio 2021, depositata con la motivazione il 10 settembre 2021, resa nel procedimento disciplinare n. 33/2021 instaurato nei confronti dell’atleta Alberto Polo (tesserato FIPAV), e per l’effetto dichiara il sig. Polo responsabile di violazione intenzionale dell’art. 2.1 del Codice Sportivo Antidoping e ridetermina la sanzione inflitta nella squalifica per 4 anni, con decorrenza dal 26 luglio 2021 e scadenza il 1° aprile 2025, così dedotto il presofferto.

La Corte condanna il sig. Polo al pagamento delle spese del presente grado del giudizio, che liquida in EUR 150,00 e conferma per il resto l’appellata decisione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Corte di Appello Antidoping aumenta la squalifica a Polo: stop di 4 anni

SportPiacenza è in caricamento