rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Piacenza Calcio

Piacenza, ora è crisi vera. I biancorossi vengono travolti con una facilità disarmante dall'Arzignano

Biancorossi sconfitti 3-0, terzo ko in quattro gare, ma questo fa particolarmente male perché la squadra di Scalise è uscita dalla partita dopo qualche minuto e non ha mai mostrato la capacità di poterci tornare. Doppietta di Parigi e poi rete dell'ex Barba. Contro l'Albinoleffe diventa decisiva per il tecnico

Banner Arco Gas Piacenza dal 15 settembreConfusione, paura, poche idee, oppure una qualità onestamente modesta. Difficile leggere questo Piacenza che parte malissimo in campionato rimediando una lezione a Crema, poi va in crescendo contro Virtus e Feralpi sebbene non ci sia la vittoria dopodiché, quando tutto sembra apparecchiato per fare il famoso salto di qualità, tira fuori una delle partite più brutte mai viste negli ultimi anni. C’è poco da dire, nulla a cui appellarsi, l’Arzignano ha dato una sonora lezione di calcio al Piacenza sia dal punto di vista tattico, sia come gioco, sia come qualità dei singoli nei duelli.
Ci si aspettava qualcosa dal Piacenza, non necessariamente una vittoria perché onestamente questa squadra può puntare solo a una salvezza, ma perdere in questo modo torna ad aprire una marea di dubbi. La difesa è sotto accusa, dopo le cessioni di Tafa e Marchi in estate sono arrivate 8 reti subite nelle prime quattro giornate. Il centrocampo rivoluzionato fa acqua da tutte le parti - e di riflesso ha conseguenze sulla difesa - con Scalise che dopo oltre due mesi di lavoro non ha ancora trovato una fisionomia e lo «studio» degli avversari non è una risposta valida. Certo, rimangono impegno e spirito combattivo, però non bastano per un campionato tranquillo: gli emiliani sono come un pugile che ha solo il cuore, avanti così si vince poco e si incassa molto.
Insomma, si fanno quattro passi indietro, ci si ritrova in fondo alla classifica, ma non è questo il problema a settembre; il problema è che questa squadra appare di una fragilità disarmante, costruita male a centrocampo e in fondo incapace di reggere una partita per 90’. Sono tre sconfitte nelle prime quattro giornate, solo contro la Virtus il Piacenza ha dato l’impressione di poter vincere, per il resto è sempre stato travolto e a questo punto la partita di sabato al Garilli contro l’Albinoleffe potrebbe già assumere i contorni da ultima spiaggia per Scalise.

Leggi qui il film della partita azione dopo azione

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza, ora è crisi vera. I biancorossi vengono travolti con una facilità disarmante dall'Arzignano

SportPiacenza è in caricamento