Questo sito contribuisce all'audience di

Serie D - Carpaneto alla ricerca del successo perduto: al San Lazzaro c'è il Progresso

La Vigor non ha ancora vinto in campionato, servono i tre punti per iniziare a risalire una china che sta diventando pericolosa. La vigilia di mister Rossini

Mister Rossini

Continuità e punti. Sarà questo l’obiettivo della Vigor Carpaneto 1922, rigenerata dal pareggio di domenica scorsa a domicilio della Correggese (1-1) ma ancora nelle ultime posizioni del girone D di serie D. Domani (domenica) alle 15 i biancazzurri piacentini saranno di scena davanti al pubblico amico del “San Lazzaro” di Carpaneto per affrontare i bolognesi del Progresso nell’ottava giornata di andata. Il pareggio in terra reggiana ha interrotto la striscia di quattro sconfitte consecutive della Vigor, che nell’occasione ha reagito positivamente alla scossa derivante dal cambio in panchina (passaggio del testimone tra Martins Adailton e Stefano Rossini). Una scintilla che però ovviamente non basta, anche perché il Carpaneto è ancora nei bassifondi della classifica con 3 punti in 7 partite e per risalire serve una vittoria, quest’anno sempre rimandata in questi match.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In settimana – spiega Rossini – abbiamo lavorato su diversi aspetti e preparato la partita con il Progresso, avversario che abbiamo studiato. Negli allenamenti abbiamo provato alcune situazioni che si creeranno nelle due fasi (possesso e non possesso). Dobbiamo continuare sui binari dell’intensità e della personalità, accrescendo l’autostima. Il Progresso è una formazione che mette molta intensità e che ci aggredirà molto quando avremo la palla. Inoltre, dispone di buone individualità, l’attaccante Girotti su tutte, un elemento da tenere sotto controllo per le qualità aeree e anche di attacco della profondità, oltre ad aver giocatori di qualità a metà campo, tra cui Menarini. E’ una squadra che può fare e sta facendo molto bene e a cui bisogna prestare attenzione, anche se dobbiamo focalizzarci sul nostro gioco. A Correggio è stato un punto di partenza, dobbiamo continuare a mettere basi e conoscenze nel nostro bagaglio. Sappiamo che il campionato non aspetta e bisogna al contempo far punti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «A settembre potrebbero ripartire i tornei del settore giovanile». E a ore la Figc ufficializza il nuovo protocollo per gli allenamenti

  • Fallimento Pro Piacenza - Il Tribunale mette in vendita beni mobili per 54mila euro

  • Si chiude l’era Gatti. Marco e Stefano escono dalla società, il presidente sarà Roberto Pighi

  • Roberto Pighi è il nuovo proprietario del Piacenza Calcio e cerca soci. Ecco come è composta la società

  • Otto anni, due promozioni, la B sfiorata nel Centenario. La famiglia Gatti ha lasciato un segno importante sul Piacenza

  • Piacenza - La cura dimagrante delle "rescissioni" permette di poter giocare almeno i playoff

Torna su
SportPiacenza è in caricamento