menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiorenzuola memorabile. Il Rimini pareggia al 90' ma i rossoneri mettono la freccia al 95'

I romagnoli trovano l'incredibile pari (2-2) allo scadere, ma la squadra di Tabbiani non è mai doma e a pochi secondi dalla fine trova la rete del 3-2 con Arrondini. Fiore sempre primo in classifica, vince anche l'Aglianese, il Lentigione è fermato sul pareggio. Ora stop fino al 9 maggio per dare spazio ai recuperi

C’è tutto nel pomeriggio di Fiorenzuola-Rimini e riesce davvero difficile chiedere di più ad una partita che vale i tre punti di una vittoria ma che a livello di morale ed entusiasmo vale almeno il doppio. I rossoneri passano infatti a tempo ormai scaduto, con l’ultimo pallone giocabile, arrivato sui piedi di Arrondini subentrato – nella consueta staffetta in attacco – nella ripresa. Il tre a due è un punteggio che premia la caratura offensiva degli uomini di Tabbiani e l’ennesima prestazione eccelsa di Battaiola che para un rigore nel primo tempo. La rete al novantesimo di Ambrosini sembrava aver messo una “X” sopra la partita, il gol di Arrondini esalta tutta la truppa rossonera che mantiene la vetta insieme all’Aglianese vittoriosa sul Progresso. Rallenta soltanto il Lentigione bloccato sul pari dalla Bagnolese.

La domenica del Pavesi entra nel vivo fin da subito con Arlotti e Pupeschi a scaldare i guantoni di Battaiola nei primissimi minuti di gara. La risposta rossonera non si fa attendere ed è più che efficace: Olivera batte una lunghissima rimessa laterale nel cuore dell’area romagnola dove Oneto aggancia e vede l’inserimento di Bruschi che calcia dall’altezza della lunetta spedendo alle spalle di Scotti. Scotti che salva tutto soltanto un minuto dopo sulla conclusione a colpo sicuro di Oneto.
La partita vive di rarissimi momenti di stacco – dopo l’uscita forzata di Crotti, che subisce un infortunio al ginocchio – in un prosieguo di azioni offensive costante: il Rimini si rende pericolosissimo con Arlotti al ventiseiesimo: l’attaccante riceve palla da Sambou, entra in area dall’out di sinistra e calcia un pallone che sibila a pochi passi alla sinistra di Battaiola. La più grande occasione per i romagnoli però è al minuto ventisette con il rigore fischiato per fallo di Potop. Casolla si presenta sul dischetto, calcia basso a sinistra ma il portiere rossonero si distende e manda in angolo lasciando inalterato il punteggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento