Questo sito contribuisce all'audience di

Roberto Samaden (Inter): «Tra gli 8 e i 13 anni la prima cosa che si guarda è la tecnica»

Il direttore del settore giovanile neroazzurro, insieme all'ex calciatore Chivu e a Bernazzani, presenti alla festa del San Giuseppe Calcio a Palazzo Galli

Roberto Samaden insieme a Cristian Chivu alla festa del San Giuseppe a Palazzo Galli

Festa grande per la società di calcio piacentina San Giuseppe che ha spento 40 candeline (1979-2019) a Palazzo Galli, ospitata dalla Banca di Piacenza e contemporaneamente ha festeggiato anche i 10 anni da Centro di Formazione dell’Inter.
A fare gli onori di casa il presidente del club Stefano Colonna insieme al vicepresidente Angela Poggioli e allo storico numero uno Virginio Bersani. Chiaramente in prima fila la Banca di Piacenza con Pietro Coppelli (condirettore generale) e una serie di illustri ospiti speciali a partire dal piacentino Roberto Samaden, direttore del settore giovanile dell’Inter accompagnato dall’ex calciatore Cristian Chivu e da Daniele Bernazzani, altro piacentino doc e ora responsabile tecnico Area Agonistica dell’Inter.
Insieme a loro tutti i tecnici e i dirigenti del San Giuseppe con i 300 bambini tesserati per una festa bellissima salutata dal sindaco Patrizia Barbieri. Tra uno slalom e l’altro riusciamo a intercettare Roberto Samaden che parla volentieri a trecentosessanta gradi di giovani.

Che importanza hanno i Centri di Formazione per l’Inter?
«Sono fondamentali nel nostro sviluppo ed è quello che ci distingue da altri settori giovanili, che lavorano bene, ma questo è un nostro prodotto su cui puntiamo molto. Il bello è che nessuno di questi Centri di Formazione è uguale all’altro, tutti hanno delle proprie caratteristiche e hanno un valore importante nel nostro progetto».

E il San Giuseppe?
«Se è con noi da 10 anni vuol dire che lavora benissimo ed è importante per la parte tecnica dei ragazzi, da tutti questi anni è un nostro punto di forza».

IMG_4808-2

Che cosa deve avere un ragazzo per essere selezionato dall’Inter?
«Il discorso è molto ampio e coinvolge diverse fasce di età; in quella che riguarda i Centri di Formazioni come il San Giuseppe, quindi da 8 a 13 anni, l’aspetto più importante è il rapporto che hanno con la tecnica di base. Poi, quando crescono, nella valutazione entrano anche altri aspetti come il fisico, la predisposizione mentale del ragazzo e tanti altri parametri. A questa età, però, conta la tecnica».

E un tecnico dell’Inter che qualità deve avere?
«Per tutti vale una regola, cioè adeguate qualità morali. Dopodiché, come per i calciatori, anche qui entrano in gioco diversi fattori a seconda dell’età dei ragazzi che allenano. Prima formano i bambini, poi diventano insegnanti e più si alza l’età, diversa è la preparazione del tecnico».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come stanno i settori giovanili italiani?
«Non siamo messi così male come si dice in giro. Siamo in una fase in cui i club sono tornati a investire sui settori giovanili e questo è importante, anche a livello di Nazionale maggiore vediamo i risultati di questo aspetto, tuttavia rispetto ad altre realtà europee siamo ancora indietro, in particolare a livello di strutture. Gli impianti hanno una grande importanza perché sono in fondo lo strumento che utilizzi per formare i ragazzi, in Italia siamo ancora troppo indietro sotto questo aspetto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piacenza-Grosseto 0-2: al Garilli decidono i gol di Moscati e Gallicani

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone, CastellanaFontana e Vigolzone ok

  • Prato-Fiorenzuola: 1-0, decide una rete di Ortolini in avvio di gara

  • Serie C - Risultati e classifica della 1a giornata nei Gironi A, B e C

  • Il Piacenza si sgretola subito davanti al Grosseto. Biancorossi sconfitti 0-2 nello scontro salvezza

  • Piacenza - Le pagelle: attacco non pervenuto, gli "under" steccano tutti tranne Vettorel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento