Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Simon: «Piacenza è casa mia, spero di tornare». VIDEO

Il ritorno di Robertlandy Simon al PalaBanca avviene in un caldo pomeriggio di aprile; manca a Piacenza da due stagioni ma è come se il cubano fosse sempre rimasto in biancorosso. Ad accoglierlo ci sono il presidente...

Simon con il presidente Molinaroli


Il ritorno di Robertlandy Simon al PalaBanca avviene in un caldo pomeriggio di aprile; manca a Piacenza da due stagioni ma è come se il cubano fosse sempre rimasto in biancorosso. Ad accoglierlo ci sono il presidente Molinaroli e il direttore sportivo Cottarelli, tanti sorrisi, una valanga di abbracci e anche qualche sfottò, come è normale tra vecchi amici che si ritrovano dopo tanto tempo. Ad accoglierlo sulla porta dello spogliatoio capitan Zlatanov, che lo “trascina” all’interno fra battute di Hristo e repliche del cubano.
Mentre i tifosi iniziano a sedersi sulle tribune del PalaBanca (arriveranno a decine), attirati dall’eccezionalità dell’evento e travolti da una valanga di bei ricordi, Simon come è sua consuetudine è disponibile con tutti.

«E’ una sensazione bellissima – spiega il cubano - ritrovare tanti vecchi amici; tornare a Piacenza anche solo per un allenamento è una cosa che non ha prezzo. Questo palazzetto è stata casa mia per più di due anni e per due grandi stagioni, sto provando sensazioni uniche».

Se dovessi ricordare un momento del tuo periodo trascorso in biancorosso, quello che ritieni più bello?
«Quando abbiamo vinto la Coppa Italia a Bologna, ma anche il passaggio del turno in Champions contro la Lube. Sensazioni e ricordi fantastici, momenti diversi ma tutti stupendi».

Hai visto che quest’anno la stagione regolare di Piacenza è stata completamente da dimenticare.
«Può capitare, ci sono momenti in cui riesci a rimanere ad alti livelli e periodi in cui sei in difficoltà. Mi è spiaciuto perché si tratta della mia ex squadra, una formazione che ho sempre nel cuore».

Tu al contrario hai vissuto in Corea un’annata da incorniciare: vittoria in campionato e premio come miglior giocatore. Meglio di così era difficile prevedere.
«Abbiamo lavorato bene, siamo partiti forte per poi registrare un momento di calo. Nel periodo clou le altre squadre stavano giocando meglio di noi, ma siamo stati bravi a dare il massimo proprio sul traguardo vincendo il torneo».

Per il prossimo anno in tanti ti vedono già diretto verso il Brasile, ma al PalaBanca ogni volta che si fa il nome di Simon i tifosi sognano.
«Mi fa molto piacere. Adesso gli impegni sono altri, ma spero in futuro di tornare a Piacenza, a casa mia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva almeno il pareggio. Male Bruzzone, il centrocampo non gira

  • Niente da fare per la Gas Sales Bluenergy, Modena espugna il PalaBanca

Torna su
SportPiacenza è in caricamento