menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alberto Giuliani nella gara contro Modena (f. legavolley.it)

Alberto Giuliani nella gara contro Modena (f. legavolley.it)

Volley - Papi: «Potevamo fare di più». Le pagelle

«Dispiace, perché potevamo fare qualcosa in più». Samuele Papi sa che vincere contro Modena per l’Lpr attuale era un’impresa impossibile, ma nonostante il gap esistente fra le due formazioni Piacenza aveva comunque la...



«Dispiace, perché potevamo fare qualcosa in più». Samuele Papi sa che vincere contro Modena per l’Lpr attuale era un’impresa impossibile, ma nonostante il gap esistente fra le due formazioni Piacenza aveva comunque la possibilità di impensierire maggiormente la Dhl. «Anche perché loro hanno giochicchiato, ma nonostante tutto ci sono superiori e hanno meritato». Testa dunque immediatamente alla sfida della prossima settimana contro Monza: «Una squadra più alla nostra portata, adesso dobbiamo pensare a fare bene contro avversarie con cui ce la possiamo giocare».
Concetto ribadito anche da Miguel Tavares: «Se Modena è prima in classifica un motivo ci sarà. Sono una formazione forte, difendono tutto, contrariamente a noi, e sono anche molto più squadra». La battuta ha fatto la differenza: «Conoscevamo le loro qualità al servizio e ci aspettavamo di essere costretti a giocare con una ricezione più staccata».
Ogni settimana diventa più difficile? «No, è sempre uguale, perché più difficile di così non è possibile».

Le pagelle
Coscione 5,5
: non sarà perfetto, ma è durissima quando le ricezione è in difficotà e poi attorno a te tutti entrano ed escono in modo frenetico e non hai una sola garanzia in attacco. Nel terzo set lascia il posto a Tavares, più che una sostituzione dovuta al demerito sembra un disperato tentativo di cambiare un’inerzia tutta dalla parte di Modena
Perrin 6: opposto anomalo, visto che è il giocatore complessivamente più impegnato in ricezione. Non è brillante dal primo all’ultimo punto, forse anche perché nella sua posizione abituale, però è il miglior marcatore di Piacenza anche se in attacco commette troppi errori
Tencati 5: non è incisivo come nelle ultime gare. Non lascia il segno a muro e non offre risposte nemmeno in attacco. Sue le serie al servizio più lunghe
Patriarca 5: premessa identica a quella del compagno di reparto Tencati. Quando Giuliani vede che a muro è in grossa difficoltà, inserisce Kohut e Stefano non lascia più la panchina
Papi 5,5: parte bene, soprattutto in attacco, poi anche lui cala. Stranamente in difficoltà in ricezione
Zlatanov 5: inizia la gara ma esce quando il primo set deve ancora scaldarsi, per poi trovare nuovamente posto a terza frazione iniziata. Difficile possa rendere come sa se non riesce a stare in campo con un minimo di continuità
Lampariello 5: fa bene le cose semplici, con pochi errori. Però di fronte a un servizio come quello di Modena dovrebbe essere una delle maggiori garanzie in ricezione, fondamentale in cui invece soffre a lungo. Anche in difesa non si vede
Kohut 5: parte in panchina ma dopo metà set è già in campo, stavolta da centrale. Due partite da opposto, adesso torna nel suo ruolo naturale, ma probabilmente ha bisogno di un po’ di tempo per metabolizzare i cambiamenti
Luburic 4,5: entra e sbaglia praticamente tutto, battuta e attacco, dove su 5 tentativi non mette a terra nemmeno un pallone. Deve ritrovare fiducia se vuole essere utile alla causa di Piacenza

Tavares 5,5: entra nel terzo set con l’Lpr sdraiata di fronte alla schiacciasassi Modena. Con lui in campo almeno la squadra accenna una rimonta, anche se l’illusione dura solamente pochi scambi
Ter Horst 5,5: le statistiche dicono che ancora una volta è il migliore in attacco, anche se non trova spazio nella formazione titolare ma entra in campo a metà del primo set. Però in ricezione fatica ancora troppo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento