Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Molinaroli: «Domenica Marshall sarà in campo»

«Leo Marshall? Domenica sarà in campo». L’annuncio arriva dal presidente Guido Molinaroli; la querelle con la federazione internazionale rimane aperta, ma la lunga attesa dello schiacciatore è terminata. Piacenza dunque rompe gli indugi e nella...

Guido Molinaroli, presidente dell'Lpr volley
«Leo Marshall? Domenica sarà in campo». L’annuncio arriva dal presidente Guido Molinaroli; la querelle con la federazione internazionale rimane aperta, ma la lunga attesa dello schiacciatore è terminata. Piacenza dunque rompe gli indugi e nella sfida in programma al PalaBanca contro Verona schiererà il giocatore che da mesi attende il via libera per giocare come italiano. L’attesa per una risposta definitiva continua ad allungarsi, il presidente Carlo Magri proprio ieri a Sportpiacenza ha dichiarato che secondo lui la soluzione si sbloccherà a breve, ma ha anche precisato che «non dipende dalla Fipav». Dunque a oggi nessuno è in grado di dare una data certa su una risposta, così la società biancorossa ha preso una decisione importante: «Aspetteremo fino a giovedì, poi valuteremo come muoverci, ma domenica Leo sarà in campo». Non c’è spazio per interpretazioni: ancora due-tre giorni per capire se la federazione internazionale concederà il via libera, qualora a metà settimana la questione fosse ancora senza una risposta la società tessererà Marshall e lo farà giocare da straniero.
Ovvio che questa scelta comporterebbe dei problemi non indifferenti nella gestione della squadra e stravolgerebbe parte dei piani pensati in estate. Per questo la decisione non è semplice; i dirigenti biancorossi non sono per nulla soddisfatti di come si è sviluppata la vicenda e non fanno nulla per nasconderlo. «Viviamo una situazione paradossale, in cui una persona italiana, con passaporto italiano e residenza nel Piacentino non può scendere in campo da italiano».

«UN’ATTESA LUNGA QUATTRO MESI»
Ne ha per tutti il presidente biancorosso: «Da quattro mesi aspettiamo senza che nessuno si degni di risponderci. Abbiamo inviato tutta la documentazione richiesta prima alla Fipav, poi a Losanna e quindi anche a Cuba. Altro materiale è stato inviato nelle scorse settimane a Buenos Aires in occasione del congresso mondiale della federazione, ma nessuno ci ha mai dato una risposta sensata, non ci hanno spiegato se abbiamo sbagliato a inviare il dossier o se la norma è stata interpretata male. Adesso prima c’è chi sostiene che tutto sarà risolto in settimana, poi ci dicono che bisogna aspettare dicembre o ancora che tutto si risolverà a gennaio».
Teoricamente esiste una regola in base alla quale un atleta può scegliere liberamente la propria nazionalità sportiva quando entra nel trentottesimo anno, per Marshall dunque il primo gennaio 2017. «Abbiamo chiesto di metterci per iscritto questa possibilità, ma nessuno ha voluto farlo. Saremmo anche stati disposti ad aspettare un paio di mesi, ma senza garanzie non è possibile».
E la responsabilità non sembra essere solamente dei vertici cubani: «Quando non si sa cosa dire è semplice prendersela con Cuba. In realtà la situazione è incredibile e mi sembra di capire che la democrazia di un Paese si misuri in base ai rapporti che abbiamo noi italiani con questa nazione».

«PER JUANTORENA UN TRATTAMENTO DIFFERENTE»
Molinaroli prima prova a stemperare il momento con una battuta: «Mi viene da pensare che qualcuno nelle federazioni di pallavolo sia razzista, perché i problemi ci sono solo con giocatori di pelle scura», poi torna serio e arriva inevitabile il paragone con la situazione vissuta da altri cubani: «Juantorena è arrivato in Italia molti anni dopo Marshall, eppure è diventato italiano molto prima. Forse perché serviva per la nazionale azzurra?».
L’affondo prosegue: «Sembrava che il via libera fosse legato a una dichiarazione di Marshall e della Fipav a non schierarlo in Nazionale. Abbiamo provveduto a produrre anche quello, eppure non si è mosso niente. Probabilmente chi doveva compiere gli sforzi necessari lo ha fatto solo per qualche giocatore che interessava in chiave azzurra».
Marshall invece rimane in attesa. Almeno fino a giovedì, poi verrà tesserato e domenica giocherà per l’Lpr. Con che nazionalità però ancora non si può sapere.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento