Questo sito contribuisce all'audience di

Volley - Ecco Luburic: «Io il nuovo Atanasijevic? Speriamo»

«Io il nuovo Atanasjievic? Perché no. Mi piacerebbe davvero, perché stiamo parlando di un grandissimo giocatore, ma dipenderà tutto da come lavorerò e come riuscirò a crescere». Drazen Luburic sa che a Piacenza tutti si aspettano...

La presentazione di Luburic

«Io il nuovo Atanasjievic? Perché no. Mi piacerebbe davvero, perché stiamo parlando di un grandissimo giocatore, ma dipenderà tutto da come lavorerò e come riuscirò a crescere». Drazen Luburic sa che a Piacenza tutti si aspettano molto da lui. Perché ha un ruolo delicato, l’opposto, e anche perché per farlo arrivare in biancorosso, come spiega il presidente Guido Molinaroli «abbiamo impiegato un po’ di tempo, lo abbiamo corteggiato a lungo e siamo convinti di aver fatto la scelta giusta». Va oltre il massimo dirigente: «Sarà una delle sorprese del campionato». Per lui, come spiega l’amministratore delegato Roberto Pighi, «garantiscono il nostro coach Giuliani e il direttore sportivo Cottarelli. Abbiamo investito parecchio in questo ragazzo e siamo sicuri che avremo delle ottime risposte».

Intanto Drazen si presenta ufficialmente nella sede di Decathlon di fronte a Giacomo Assenza, responsabile degli sport collettivi, che sottolinea la prosecuzione dell’accordo con Lpr volley che dura dal 2011. «Abbiamo allestito l’area giochi per bambini al PalaBanca e premiato varie volte il miglior giocatore del match. Ma tante sono ancora le iniziative in programma, come lo sconto del 5 per cento su tutta la spesa degli abbonati Lpr fino al prossimo 30 ottobre». Non è finita, perché Decathlon è vicina anche alle squadre del settore giovanile, rappresentate da Maurizio Moia presidente del Piace volley.
Poi tutti i riflettori sono per Luburic, uno che parla poco e preferisce dimostrare con i fatti quanto potrà contare per la nuova Lpr. «Dopo quattro stagioni a Novi Sad - spiega grazie a Luca Tencati nell’insolita veste di traduttore - per la prima volta esco dal mio Paese per un’esperienza all’estero. Il primo impatto è molto positivo; la struttura è buona, si lavora bene e da quel poco che sono riuscito a vedere anche la città è molto carina. Sono sicuro che è la realtà giusta per crescere. Tecnicamente? Mi piace picchiare forte, ma nel volley ci vuole la giusta dose di potenza sommata alle qualità tecniche». Chiusura sugli esempi da seguire e sul giocatorl a cui si ispira. Che, a sorpresa, non è il connazionale Atanasijevic: «Aleksandar è uno dei migliori opposti al mondo, mi piacerebbe imitarlo. Ma comunque il mio esempio è il tedesco Schops». Va bene lo stesso.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Fontana chiude tutti i campionati della Lombardia. Il San Rocco però gioca, rimane in piedi la Serie D

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento