Questo sito contribuisce all'audience di

Per Michele Gazzoli è il giorno Mondiale: «Sarà una gara aperta, io ci provo»

Il corridore del Cadeo Carpaneto al via a Bergen, in Norvegia, da campione europeo e dopo un recupero lampo seguito alla doppia frattura alla clavicola

Michele Gazzoli in maglia azzurra (f. Rodella)

Scocca l’ora del grande giorno per Michele Gazzoli, talento dell’Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco Baiocchi Cadeo Carpaneto che sabato 23 settembre sarà al via della prova in linea Juniores ai Mondiali su strada di Bergen in Norvegia. Le prime pedalate sono previste alle 9,30, con 4 giri di un circuito da percorrere per complessivi 135 chilometri e 500 metri che separeranno partenza e arrivo. Insieme al bresciano, per l’Italia ci saranno Luca Colnaghi, Andrea Innocenti, Giulio Masotto, Fabio Mazzucco, Luca Rastelli e Filippo Zana, mentre la riserva in patria è Andrea Bagioli.

Per Gazzoli, si tratta di una partecipazione di diritto, dal momento che Michele è il campione europeo di categoria in carica dopo l’impresa continentale di inizio agosto in Danimarca. Una partecipazione che era stata involontariamente messa in discussione dalla rovinosa caduta in agosto ai Mondiali su pista a Montichiari, con doppia frattura alla clavicola sinistra, operata l’indomani. Il corridore di Ospitaletto, però, ha bruciato le tappe nel recupero, salendo ben presto in sella per mettere nel mirino con estrema determinazione la partecipazione iridata.

«Sento ancora un po’ di fastidio – sono le parole di Gazzoli alla vigilia dei Mondiali norvegesi – ma ho voluto fortemente essere presente a questa manifestazione. Sapevo di potercela fare per recuperare, poi ho accelerato un po’ i tempi. Per il resto, lo stato di forma è in crescendo, ho finito in precedenza la fase di carico e negli ultimi giorni ho scaricato per cercare di farmi trovare pronto per la gara».

Sette giorni prima dell’appuntamento di Bergen, per lui è arrivato il terzo posto in azzurro a Marina di Massa nel Circuito della Riviera Apuana. «Un risultato un po’ inaspettato – confessa Michele – perché pensavo di non arrivare bene in fondo. Ora mi appresto a vivere il mio quarto Mondiale complessivo; a livello emotivo un po’ sono abituato, ma indossare la maglia azzurra dà sempre grandi stimoli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, gli obiettivi per la corsa iridata. «Vedremo, io ci provo – sorride – il percorso presenta una salita non impossibile, ci saranno ritmi elevati e sarà difficile scattare. Mi sembra comunque un Mondiale aperto a varie soluzioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sport di contatto, oggi riapre anche la Lombardia. E in Emilia-Romagna si preferisce far finta di niente

  • Sport di contatto: Bonaccini scarica la responsabilità sull'assessore Donini. «Aspetto il via libera dalla mia sanità»

  • Piacenza e Corradi: fase di stallo ma il nodo va sciolto in fretta. Sestu non tornerà in biancorosso

  • Calciomercato Dilettanti - Alsenese: quante riconferme. Lo Junior Drago farà due squadre, una in Seconda e una in Terza

  • Calciomercato - Piacenza: fumata bianca con l'attaccante Francesco Maio. Sylla e Borri in partenza

  • Calciomercato Dilettanti - Nibbiano&Valtidone: corsa a tre per la panchina. Il favorito è Sergio Volpi

Torna su
SportPiacenza è in caricamento