Ciclismo

Dalla vittoria di Tosello nel 1968 alla cronometro a squadre del 2006: quando Piacenza è stata protagonista al Giro d'Italia

Il 28 maggio 1986 Bontempi vince allo sprint la tappa partita da Foppolo, il giorno successivo Francesco Moser domina la cronometro che porta la carovana a Cremona

Francesco Moser, grande protagonista nel 1986 della tappa partita dalla nostra città

Le indiscrezioni circolate nelle settimane scorse hanno lasciato spazio a voci ben più concrete di queste ultime ore ma – in attesa della conferma ufficiale del 4 febbraio, data della presentazione del percorso – Piacenza tornerà ad essere sede di tappa al Giro d'Italia (edizione 104, dall'8 al 30 maggio), a distanza di 15 anni dall'ultima volta.

Il prossimo 12 maggio – in cui è in programma la frazione che si concluderà a Sestola sull'appennino modenese – non sarà un giorno qualunque per la provincia piacentina che quest'anno festeggerà i 100 anni dal primo transito della corsa rosa sulle nostre strade: era infatti il 10 giugno 1921 quando la carovana dei corridori, durante la Parma-Torino, nona e penultima tappa di 320 km, passava da Fiorenzuola e Piacenza per raggiungere il traguardo dove poi avrebbe vinto Gaetano Belloni della Bianchi (vincitore del Giro dell'anno prima e secondo in quell'edizione) mentre la maglia rosa finale andò a Giovanni Brunero della Legnano, che poi seppe ripetersi nel 1922 e 1926.

Era un ciclismo davvero d'altri tempi, con tappe infinite che partivano all'alba toccando le principali città, e da allora passarono ben 47 anni (e altri nove transiti) prima che la città vivesse una giornata storica. È il 27 maggio 1968, si disputa la settima tappa, la Alessandria-Piacenza di 170 km con vittoria rocambolesca allo sprint di Guerrino Tosello (Molteni) davanti ad Adriano Durante, con cui entra in contatto dopo la linea d'arrivo, cadendo a terra e fratturandosi la clavicola col relativo ritiro dalla corsa. Il giorno dopo i corridori ripartono da San Giorgio Piacentino alla volta di Brescia per una frazione di 225 km che vincerà Eddy Merckx (Faema), il quale conquisterà il primo dei suoi cinque Giri, mentre nelle due tappe piacentine la maglia rosa era sulle spalle di Michele Dancelli (Pepsi Cola).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla vittoria di Tosello nel 1968 alla cronometro a squadre del 2006: quando Piacenza è stata protagonista al Giro d'Italia

SportPiacenza è in caricamento