Questo sito contribuisce all'audience di

Pinalli: «Puntiamo sulla logica del bel gioco». Baldrighi: «Spero che i tifosi ci stiano sempre vicini». VIDEO

Il presidente e il team manager del Fiorenzuola dettano la linea per la nuova stagione. Obiettivo: raggiungere traguardi sempre più importanti

Da sinistra: Di Battista, Pighi, Pinalli, Daniele e Luca Baldrighi

Inizia l’avventura del nuovo Fiorenzuola, ma per Luca Baldrighi i due mesi e mezzo senza impegni agonistici non sono stati di riposo.

«In effetti - spiega il team manager rossonero - sono volati. Ma era ora che ripartissimo, abbiamo iniziato una settimana più tardi rispetto al solito perché la Coppa Italia inizierà qualche giorno dopo e dunque avremo tutto il tempo necessario per prepararci. Adesso vediamo cosa ci proporrà la stagione».

Nel corso della presentazione hai detto: non mi piace fare paragoni con l’anno precedente. Il presidente Pinalli invece ha posto l’asticella un po’ più in alto sostenendo che la squadra deve ottenere una posizione migliore rispetto all’ultimo campionato.

«Conosciamo il presidente - ride - e le sue battute. Bisogna voltare pagine tenendo però come base di partenza quanto fatto l’anno scorso, ma è normale che se vogliamo migliorarci dobbiamo comunque puntare sempre più in alto. Poi cercare di arrivare terzi, quarti o quinti non possiamo saperlo, anche perché a oggi nemmeno conosciamo il girone in cui saremo inseriti e che potrebbe essere un raggruppamento proibitivo. Lo staff tecnico ha già impostato un certo tipo di lavoro, ho visto i ragazzi e mi sembra che il gruppo di quest’anno ricalchi quello dello scorso anno, anche perché è rimasto un bello zoccolo duro da cui ripartire. I giovani sono convinto che saranno di talento perché il nostro direttore sportivo queste scelte non le sbaglia. In Serie D l’importante è la fame: per i ragazzi di arrivare, per chi ha maggiore esperienza di confermarsi».

Un campionato che si preannuncia particolarmente complesso.

«Ci sono molte squadre blasonate che per varie vicissitudine sono costrette a ripartire da questa categoria, ma stiamo parlando di società abituate a palcoscenici ben più importanti».

Faccio la stessa domanda già fatta a Pinalli: Luca Baldrighi a fine stagione sarà contento se...?

«Vorrei che questo fosse un campionato di continuità con l’ultima stagione, perché ha segnato il ritorno della gente allo stadio, sia in tribuna sia in gradinata. Ho visto ragazzi giovani che ci hanno seguito anche in trasferte impegnative. E’ stata una cosa che nessuno si aspettava. Poi ovviamente parlerà il campo e parleranno i risultati. Spero che se dovessero arrivare momenti non bellissimi i tifosi continuino ugualmente a sostenerci».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Piacenza-Pro Vercelli 1-1: Della Morte trova il pari nel finale su errore di Bruzzone

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva almeno il pareggio. Male Bruzzone, il centrocampo non gira

  • Niente da fare per la Gas Sales Bluenergy, Modena espugna il PalaBanca

Torna su
SportPiacenza è in caricamento