Questo sito contribuisce all'audience di

Fiorenzuola - Guglieri: «Torno dove c'è ambizione»

Ettore Guglieri non nasconde la sua soddisfazione per essere tornato “a casa”. Dopo la trafila nel settore giovanile del Piacenza e un lungo peregrinare per il centro-nord della Penisola (da Voghera a Pizzighettone, da Biella a Massa, da...

Ettore Guglieri
Ettore Guglieri non nasconde la sua soddisfazione per essere tornato “a casa”. Dopo la trafila nel settore giovanile del Piacenza e un lungo peregrinare per il centro-nord della Penisola (da Voghera a Pizzighettone, da Biella a Massa, da Verolanuova a Carpenedolo, da Montichiari a Noceto), il mancino di Farini, classe 1984, riparte dal Fiorenzuola, portando con sé un grande bagaglio di esperienza, frutto di sei anni di serie C e più o meno altrettanti di serie D.

Guglieri arriva dopo un campionato a Noceto, con 28 presenze e 4 reti. Quando il rinnovo con la società parmense pareva cosa fatta, ecco l’offerta del Fiorenzuola, che l’ex Piacenza definisce irrinunciabile. “A Noceto probabilmente non se l’aspettavano – ammette il neorossonero – il mercato era ormai agli sgoccioli e anch’io, ormai, pensavo di restare a Noceto, dove peraltro mi sono trovato alla grande. Poi però è arrivata la chiamata del diesse del Fiorenzuola Guarnieri, a cui non potevo proprio rinunciare per tante ragioni: il ritorno in serie D dopo la parentesi in Eccellenza con i Crociati, la vicinanza da Farini, dove vivo, e la voglia di vestire la maglia del Fiorenzuola. Già qualche anno fa c’era stato un abboccamento, ma ero sempre vincolato e non se ne era mai fatto nulla”.

Tra l’altro ritroverai parecchi amici.
“Certo da Piccolo con cui ho giocato a Pizzighettone, a Piva con cui ho diviso il settore giovanile del Piacenza. Ma conosco anche i vari Petrelli, Franchi, Lucci e Fogliazza”.

Hai già parlato con mister Mantelli e il presidente Pinalli?
“Non ho ancora avuto il piacere, ma le parole del diesse Guarnieri mi hanno caricato non poco: so che c’è l’ambizione di fare bene e sono convinto che ci sarà parecchio da divertirsi”.

In carriera hai ricoperto più ruoli: dove ti trovi più a tuo agio?
“Il mio ruolo preferito è quello di interno di centrocampo, ma in carriera ho spesso giocato esterno, sia basso, che alto, senza troppi problemi”.

Che opinioni ti sei fatto dei gironi?
“Quello Lombardo è sicuramente competitivo, però è anche stimolante: quasi tutte le squadre giocano e lasciano giocare, al contrario di altri gironi nei quali l’agonismo la fa da padrone”.
Filippo Ballerini
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento