Questo sito contribuisce all'audience di

Vamos Piacenza, per il rotto della cuffia. I biancorossi vincono a Lucca in rimonta e rimangono a -1

Gli emiliani vanno sotto nella ripresa ma rimontano grazie ai gol di Corradi e Ferrari (92') e rimangono a -1 dall'Entella che supera 2-1 l'Arezzo. Martedì al Garilli c'è lo scontro diretto che vale mezza promozione in Serie B

La partita inizia con ritmi subito elevati. La Lucchese cerca di pressare alto il Piacenza che tuttavia vuole prendere in mano le redini del gioco. Il campo leggermente irregolare non permette grandi trame e, inoltre, le due squadre stanno molto attente a non concedere spazi: così nei primi venti minuti non succede granché, se si esclude un colpo di testa di Barlocco finito alto sulla traversa non di poco. Ferrari, servito da una bel pallonetto di Corradi, viene anticipato in scivolata da un Gabbia prodigioso. La Lucchese si fa viva al minuto 26: un destro strozzato di Bernardini che non esce di molto alla destra di Fumagalli. C’è spazio per un’altra iniziativa di Barlocco, che riesce solo a toccare con la punta un traversone di Nicco, e per un tiraccio di Zanini alto, seppur da buona posizione. I primi 45’ sono tutti qui: con un Piacenza che vorrebbe fare la partita e una Lucchese molto guardinga, seppur pronta a pungere sulle ripartenze. Intanto da Chiavari non arrivano buone notizie, perché l’Entella chiude il primo tempo avanti 1-0 sull’Arezzo e si riporta a +3 in classifica.

Il Piacenza ritorna in campo con un piglio più aggressivo. Dopo pochi minuti, una girata di Ferrari rimpallata da un difensore diventa un appoggio per un gran tiro di Porcari, sporcato in corner da un giocatore della Lucchese. La partita si fa più intensa: si lotta in ogni centimetro di campo. I biancorossi si fanno minacciosi con Terrani e Nicco, che non arriva su un bel cross di Barlocco. A segnare però è la Lucchese: Zanini prende la mira, trovando una rasoiata dalla lunga distanza che bacia il palo e finisce in gol. Una rete che gela il Piacenza, colpevole di essersi fatto trovare troppo scoperto. Franzini allora pesca dalla panchina togliendo Porcari per mettere Sestu, così decide di passare al 4-3-3 (più tardi dentro anche Corazza per Terrani). Gli emiliani si riversano in avanti, Della Latta sciupa un chance. Il pari però arriva grazie alla giocata di un singolo: Corradi prende palla dal limite, dribbla un uomo e scarica un mancino a incrociare che Falcone vede a malapena. E’ 1-1: ma c’è di più, perché in contemporanea a Chiavari segna l’Arezzo e in pochi istanti il Piacenza da -4 torna a -1 in classifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - I risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone all'ultimo respiro, Castellana ko. Bene la Bobbiese

  • Lutto nel mondo dello sport, se ne è andato Fabrizio Codeghini

  • Piacenza-Rimini 3-0: i biancorossi tornano alla vittoria con i gol di Paponi, Corradi e Della Latta

  • Piacenza - Cacia rescinde nelle prossime ore, niente SudTirol e Arzignano. Si apre la caccia a un attaccante

  • Calciomercato - Piacenza: si apre la caccia a un attaccante. Sulla lista anche Roberto Floriano

  • Piacenza - Cacia è un nervo scoperto. Franzini: «Ha riflettuto sulla decisione. Per noi settimana importante»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento