menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brutta tegola sul Piacenza: deferito per responsabilità oggettiva. La Figc: «Il giocatore Mulas contattò Provenzano prima di Lucchese-Entella»

Il club biancorosso al momento commenta il fatto tramite una nota stampa: «Prendiamo le distanze in maniera netta ed inequivocabile»

Aggiornamento - La risposta del Piacenza Calcio tramite una nota stampa: «Il Piacenza Calcio 1919 ha appreso, con enorme stupore, del deferimento recapitato dalla Procura Federale al proprio ex tesserato Giulio Mulas e del contestuale deferimento del club a titolo di responsabilità oggettiva. 
Eclipse cross-2La società ha già dato mandato ai propri legali affinché venga dimostrata la totale estraneità del club rispetto alle contestazioni mosse al proprio ex tesserato, dal quale prende le distanze in maniera netta ed inequivocabile. 
La società, sicura della bontà del proprio operato, sempre contraddistinto da lealtà, probità e correttezza sportiva, tutelerà la propria posizione ed immagine nelle opportune sedi in ogni stato e grado».

Brutta tegola sul Piacenza Calcio che è stato deferito dalla Figc per «responsabilità oggettiva» causa il comportamento del difensore Giulio Mulas che, si legge nella nota della federazione, in occasione della gara di campionato Entella-Lucchese «disatteso l’obbligo di comportarsi secondo i principi di lealtà, correttezza e probità in ogni rapporto comunque riferibile all’attività sportiva, comunicando con il calciatore della Lucchese, Alessandro Provenzano, attraverso un messaggio vocale, allo scopo di trarre un vantaggio per il Piacenza; Per violazione dell’art. 1bis, comma 1, del previgente C.G.S. e dell’art. 4, comma 2, del previgente C.G.S., in ordine agli addebiti contestati al proprio tesserato MULAS Giulio:- la società Piacenza Calcio 1919 S.R.L. a titolo di responsabilità oggettiva per quanto ascritto al proprio tesserato Mulas Giulio».

Da quanto si è appreso Mulas avrebbe mandato un whatsapp vocale a Provenzano al fine di esortare l’amico giocatore della Lucchese (società che versava in gravi condizioni economiche e che poi non si è iscritta al campionato) a dare il massimo nella gara contro l’Entella in quanto il Piacenza era in corsa per il vertice della classifica. A quanto sembra Provenzano non avrebbe mai risposto a quel whatsapp ma si sarebbe presentato in Procura, da qui l’indagine della Figc che ha portato al deferimento di Mulas e del Piacenza per responsabilità oggettiva.

Un caso che ricorda per certi versi - anche se diverso - quanto accaduto lo scorso anno al Parma, impegnato in una gara decisiva contro lo Spezia. La gara tra Lucchese ed Entella terminò 1-1.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento