Calcio giovanile

Tante emozioni e grande divertimento per l'ottava edizione del Memorial Pinotti. FOTO

Al centro sportivo dei Lyons Quarto presente anche Gigi Cagni: «Non avrei potuto avere i successi che ho avuto senza di lui». Il torneo dedicato alla categoria Under 16 è stato vinto dalla Reggiana in finale sull'Academy Moretti. Nella finalina per il terzo posto il Piacenza supera ai rigori il Fiorenzuola

Si è svolto sabato pomeriggio l’ottavo Memorial Pinotti dedicato alla categoria Under 16, la cornice era il nuovo centro sportivo dei Lyons Quarto completamente ristrutturato sia nei campi che negli spazi all’aperto. In campo il Piacenza Calcio, Fiorenzuola Academy Moretti e Reggiana per quasi cinque ore di sport dove le squadre hanno messo in mostra le loro capacità a pochi giorni dall’inizio della stagione, giocando partite combattute con i risultati sempre in bilico. Ha vinto il torneo la Reggiana Calcio sui Lupetti dell’Academy, aggiudicandosi la finale per uno a zero con il gol vittoria segnato a pochissimi minuti dal triplice fischio proprio quando i ragazzi di Mister Vercellesi avevano chiuso nella loro metà campo gli avversari.

L’altra finale valevole per il terzo/quarto posto è stata vinta ai calci di rigore dal Piacenza Calcio (6-5) sugli amici del Fiorenzuola. Partita alla pari (1-1), ma quando si arriva sul dischetto per la lotteria dei rigori , il minimo errore è fatale, il Piacenza è stato più attento e ne ha approfittato segnandone 5 su 5. Una bel pomeriggio di sport dove tutti gli spettatori (oltre 400) hanno potuto ammirare la presenza al centro sportivo di mister Cagni, Totò De Vitis, Settimio Lucci oltre ovviamente a Daniele Moretti, direttore sportivo dell’Academy. Anche questo anno Nicola Pinotti, figura storica del calcio piacentino, ha avuto il giusto riconoscimento per la sua carriera sportiva .

La moglie Loretta - premiata con un omaggio floreale da Arianna Burzoni - ha ricordato aneddoti sconosciuti che in pochissimi sapevano, come quando fungeva da autista alla coppia Cagni-Pinotti al termine delle loro partite. In stanze segrete si dice che la Loretta alcune volte dava consigli tattici ai due quando erano in disaccordo su questioni tecniche. La stessa Arianna Burzoni ha ricordato episodi legati tra Nicola e suo papà Alberto a cui è dedicata la stele presente al centro sportivo di Quarto, come grandi amici legati non solo nello sport ma anche nella vita quotidiana, due combattenti a cui non piaceva mai perdere anche se seduti a un tavolo per una briscola. Commoventi, infine, le parole di Cagni che ha ricordato Nicola non solo come un valido e fedele collaboratore ma come un amico di vita: «Non avrei potuto avere i successi che ho avuto senza di lui». Un giusto riconoscimento a Marica, Davide ed Elia, che vedono ogni anno ricordato il papà con grande stima ed affetto.

01 - ACCADEMY MORETTI_l04 - REGGIANA_l03 - PIACENZA_l02 - FIORENZUOLA_l

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tante emozioni e grande divertimento per l'ottava edizione del Memorial Pinotti. FOTO
SportPiacenza è in caricamento