menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ecco gli sport che ripartono il 4 maggio: ok a corsa, bici e tennis (con limitazioni). Ancora stop alle attività di squadra

Le anticipazioni sul nuovo decreto che riaprirà parte dell'Italia. Considerazione di base: tutte le discipline si potranno praticare solo a livello individuale

Tutti in attesa di un “mini” via libera. Che non sarà, lo stanno specificando in tanti e da più parti, un “liberi tutti”, ma alcune concessioni verso un ritorno alla vita normale e soprattutto a una pratica sportiva che interessa quasi 21 milioni di persone, vale a dire metà Italia. La Gazzetta dello Sport con Francesco Ceniti anticipa le novità contenute nel decreto che dal 4 maggio dovrebbe riaprire buona parte del nostro Paese, specificando le attività che si potranno nuovamente esercitare e quelle che invece rimarranno ancora vietate.

Considerazione di base: tutti gli sport andranno praticati a livello individuale, al massimo da due persone se si tratta di conviventi o di un genitore con un figlio. Di certo ci sarà il via libera alla corsa: inizialmente si era parlato di un limite massimo di 40 minuti, ma ovviamente si può considerare solamente un’indicazione. Difficile a oggi capire se si potranno utilizzare i parchi, perché ancora non si sa come (e soprattutto se) verranno aperti, di certo l’obbligo è di fare attività senza fermarsi a parlare, tornando immediatamente a casa dopo la seduta di allenamento. La grossa incognita a cui per ora nessuno sa rispondere: servirà la mascherina anche per fare una corsetta? Per ora sembra di no, ma meglio attendere indicazioni ufficiali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento