menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il volley: "Campionati validi con almeno due terzi delle gare disputate". Il basket: "Riteniamo di interesse nazionale tutti i campionati escluso il minibasket"

Si gettano le basi per la ripresa dell'attività: la pallavolo chiarisce il regolamento, la pallacanestro invia al Coni l'elenco di chi può ripartire

Novità per volley e basket in attesa della ripresa di alcuni campionati fermi a causa del Covid. Partiamo dalla pallavolo, che sabato vedrà in campo la Serie B, mai avviata nell’autunno del 2020. La Fipav ha fatto un passo avanti, comunicando che tutti i campionati pronti a partire o che inizieranno nelle prossime settimane (dunque eventualmente comprese le giovanili) saranno ritenuti validi solo se in calendario sono previste almeno 10 partite. Ma attenzione, perché in caso di blocco per omologare i risultati dei tornei sarà sufficiente che due squadre abbiano giocato almeno due terzi delle gare, dunque in caso di 10 partite inizialmente in programma sarà necessario averne disputate almeno 7, nel caso di 15 gare almeno 10 e così via.

Cambia anche la richiesta della pallacanestro, la Fip ha inviato nelle scorse ore al Coni l’elenco delle categorie di preminente interesse nazionale, quelle di fatto autorizzate a riprendere l’attività. Bene, secondo i vertici del basket “sono stati qualificati in tal modo tutti i campionati seniores e tutti i campionati giovanili di pallacanestro e 3x3 di ogni ordine e grado con esclusione del minibasket”. Se l’elenco dovesse essere approvato, la pallacanestro potrebbe di fatto riprendere allenamenti di squadra e partite, ad eccezione del minibasket, nel momento in cui arriverà l’ok del Coni.

Questa la nota ufficiale della Fipav:

La Fipav comunica che con provvedimento Presidenziale n° 2 del 15 gennaio 2021, in considerazione del particolare stato di incertezza determinato dalla pandemia da infezione da COVID19, al fine di dotare tutti gli organismi federali preposti all’organizzazione dei Campionati di Serie (Nazionali di Serie B, Regionali e Territoriali), è stato deliberato: 

di ritenere per la sola stagione 2020/21, in deroga a quanto previsto dalla Guida Pratica 2020/21, regolari i Campionati di serie territoriali, regionali e nazionali di serie B, sia maschili che femminile, che prevedono in calendario lo svolgimento di almeno 10 gare;

ove il campionato strutturato sulla base di calendari con almeno 10 gare non si concluda per cause di forza maggiore, troverà applicazione quanto previsto dall’art. 39 del Regolamento Gare.

Art. 39 – Requisiti o condizione per omologa dei campionati.

I campionati si intendono regolarmente conclusi, laddove siano state svolte tutte le gare presenti in calendario o almeno, nei casi di forza maggiore, che due squadre abbiano disputato due terzi delle gare indicate in calendario. Laddove l’ultima giornata non sia stata disputata da tutte le squadre, la classifica finale sarà determinata in base a quanto previsto dai comma b, c, d ed e dell’art. 43.

Art. 43 – Classifica avulsa

1. I criteri per stabilire la classifica tra squadre dello stesso campionato ma partecipanti a gironi diversi (classifica avulsa), in ordine prioritario, sono i seguenti:

a) miglior posizione nella classifica del girone;

b) miglior quoziente ottenuto dividendo i punti conquistati in classifica per il numero delle gare disputate;

c) miglior quoziente set tra i sets vinti e quelli perduti;

d) miglior quoziente punti tra i punti realizzati e quelli subiti;

e) sorteggio in caso di ulteriore parità.

2. La classifica avulsa si applica nel caso in cui nelle circolari di indizione dei vari campionati non siano stabilite modalità diverse per definire la graduatoria delle squadre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento