Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Illuminiamo lo sport", per un'ora riflettori accesi su piscine e palestre. «Siamo abbandonati, il 16 gennaio pronti a riaprire»

L'iniziativa di protesta dei gestori degli impianti piacentini. «E' dimostrato che le nostre strutture sono sicure, ma siamo stati i primi a chiudere e nessuno dice quando potremo ripartire»

 

I controlli effettuati a ripetizione nei mesi scorsi hanno certificato che palestre e piscine sono luoghi sicuri, i protocolli vengono rispettati alla lettera, come confermato dai Nas, ma gli impianti continuano a rimanere chiusi. I motivi sono davvero difficili da comprendere, così dopo aver manifestato all’aperto, con un paio di iniziative sul Facsal e in centro storico, i gestori piacentini hanno proseguito la loro opera di sensibilizzazione con “Illuminiamo lo sport”. Dalle 18 e per un’intera ora le luci di piscine e palestre si sono accese, anche se i locali sono rimasti deserti. «Vogliamo che i riflettori rimangano ben puntati su un settore che è stato il primo a chiudere e sarà fra gli ultimi a riaprire, nonostante rispetti tutte le norme di sicurezza». Così ancora una volta lo sport, in teoria da sostenere e salvaguardare perché sinonimo di salute, viene penalizzato.

«Il problema – spiegano alcuni gestori – è che non abbiamo ancora una data possibile di riapertura, nessuno è in grado di comunicarcela e non esiste una programmazione adeguata». E i responsabili fanno un passo avanti: «Se chi deve decidere non è in grado di farlo, noi il 16 gennaio riapriremo in autonomia».

Potrebbe Interessarti

Torna su
SportPiacenza è in caricamento