Sabato, 18 Settembre 2021
Varie

Anche Aradori, Ricci e Danilo Gallinari battezzano il Supercampus

Presentata la nuova cittadella dello sport realizzata grazie alla collaborazione fra Assigeco, Robur et Fides e Comune di Codogno

Un momento della presentazione di questo pomeriggio

In un momento storico certamente molto particolare per il territorio di Codogno, duramente colpito dalla pandemia nei primi mesi del 2020, la fattiva collaborazione tra l’Assigeco Basket, la Robur et Fides Somaglia e l’Amministrazione Comunale di Codogno ha portato ad un progetto di grande rilancio per la struttura del Campus.

Il nuovo “Supercampus” restituirà alla città e a tutto il territorio, una vera e propria “cittadella dello sport” a misura di cittadino che andrà ad ampliare e rimodernare la struttura edificata tra il 2000 e il 2002.

Il progetto prevede diverse fasi divise in macro-aree di sviluppo: una che riguarda l’attività polisportiva, concentrata in primis su basket e volley con un’offerta rinnovata al territorio e la continuità della proposta di eccellenza nel panorama sportivo nazionale, come la squadra di A2 di pallacanestro. Una parte riservata al benessere e alla cura della persona, con un’offerta di alta qualità a livello di prestazioni e strutture per la medicina sportiva e la fisioterapia. Un ricco programma di aggregazione mediante servizi ludico motori correlati all’attività sportiva. Il tutto con un impatto “Green”, tramite la riqualificazione energetica delle strutture esistenti e una progettazione all’avanguardia per quelle che si andranno ad affiancare al cuore del Campus di Codogno.

Un progetto ambizioso che vede l’Assigeco Basket ancora in prima linea nello sviluppo dell’attività del territorio e per il territorio in cui lavora e opera da oltre 40 anni, come ha spiegato il Presidente Franco Curioni: “L’idea di rilanciare il Campus con la sua riqualificazione – spiega – è nata dalla volontà di restituire ad un territorio come quello di Codogno e del lodigiano che ha sofferto moltissimo durante la pandemia e ne sta pagando ancora lo scotto, una struttura di eccellenza per l’eccellenza, ma anche un luogo di condivisione di valori. Gli stessi che ci accompagnano da quando abbiamo iniziato questa avventura con l’Assigeco Basket, che ho ritrovato nella collaborazione con la Robur et Fides e con il suo Presidente Matteo Spotti. Il nostro obiettivo è quello di offrire ai ragazzi un luogo che consenta loro di svolgere le attività sportive al chiuso che preferiscono e farlo secondo le idee e i valori che da sempre ci animano. Le tempistiche del progetto? Se tutto andrà come speriamo, verso la fine del 2021 dovremmo riuscire a cominciare a vedere qualcosa di concreto. Il lavoro da fare è tanto, abbiamo fortunatamente il sostegno dell’Amministrazione Comunale, della Regione e di tante persone che da sempre ci spingono a rilanciare la nostra attività”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Aradori, Ricci e Danilo Gallinari battezzano il Supercampus

SportPiacenza è in caricamento