Questo sito contribuisce all'audience di

Addio a Carlo Rossi, papà di Radio Sound

Anche lo sport da oggi è più povero. Se ne è andato Carlo Rossi, 83 anni, fondatore di quella Radio Sound che insieme alla moglie Rita Nigrelli ha creato dal nulla fino a portarla dove è ora. Anzi, trascinandola metro per metro, senza mai fermarsi...

Carlo Rossi è stato il fondatore di Radio Sound
Anche lo sport da oggi è più povero. Se ne è andato Carlo Rossi, 83 anni, fondatore di quella Radio Sound che insieme alla moglie Rita Nigrelli ha creato dal nulla fino a portarla dove è ora. Anzi, trascinandola metro per metro, senza mai fermarsi un attimo ma guardando sempre avanti. La radio è una sua creatura ed è sempre stata anche la sua famiglia; non è un modo di dire, visto che i figli Laila e Mirko sono diventati con mamma e papà le altre colonne portanti con ruoli sempre diversi.
Carlo Rossi faceva di tutto: con l’immancabile pipa arrivava a sorpresa in redazione e risolveva ogni problema, di qualunque natura fosse. Poi saliva in macchina, con il logo della radio ben visibile sulla portiera, e quando c’era bisogno era presente in ogni manifestazione; che si trattasse di intrattenimento o di sport lui non mancava mai. Sempre dietro le quinte ma sempre fondamentale.
Ricordo solo un piccolo aneddoto che ancora oggi mi fa sorridere: la prima maratona con l’arrivo in piazza Cavalli. Percorso nuovo, organizzazione non ancora testata come in queste ultime edizioni: arriviamo dal Corso con il gruppetto dei migliori che preme alle spalle e un’agente della Polizia Municipale indirizza erroneamente la vettura di Radio Sound sul tappeto rosso dell’arrivo. Quando ce ne accorgiamo è troppo tardi, ci sono transenne a destra e a sinistra, in fondo il traguardo con le hostess già pronte per accogliere il vincitore. Non esiste alcuna possibilità di uscire, bisogna risolvere il problema al volo, sotto lo sguardo atterrito degli organizzatori già concentrati sull’arrivo. Carlo dopo dieci secondi di qualche lamentela incomprensibile (e giustificata) trova la soluzione: si piazza a un millimetro delle transenne e dopo l’arrivo del primo gruppo inizia uno slalom in retromarcia fra atleti increduli e spettatori divertiti. C’è un problema? Lo risolviamo. D’altronde lui faceva sempre così.

A Rita, Laila e Mirko le condoglienze di tutta Sportpiacenza, nel ricordo di una persona che vi accompagnerà per sempre

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento