Questo sito contribuisce all'audience di

Tennis - Gianluca Beghi sparring partner di Camila Giorgi

Anche se ancora troppo raramente, il tennis piacentino si rivela di quando in quando capace di sfornare atleti i quali, con il talento mostrato sul campo e con il lavoro d’insegnamento intrapreso per coronare la propria passione, sono in grado di...

Il piacentino Gianluca Beghi
Anche se ancora troppo raramente, il tennis piacentino si rivela di quando in quando capace di sfornare atleti i quali, con il talento mostrato sul campo e con il lavoro d’insegnamento intrapreso per coronare la propria passione, sono in grado di trascinare gli appassionati di questo sport e accrescerne il numero.
E’ il caso di Gianluca Beghi, piacentino classe 1991, ora in forza alla Canottieri Nino Bixio (la cui squadra si trova a disputare il Campionato di A2) e Istruttore al Tennis Club Campagnoli di Castelsangiovanni.
La sua crescita tennistica, cominciata sui campi della Tennuoto di San Nicolò, è stata favorita da indubbie doti naturali sia fisiche sia tecniche. Gianluca è conosciuto nell’ambiente del tennis piacentino come un giocatore fattosi in gran parte da solo grazie a tali doti ma anche all’impegno profuso non solo nell’attività agonistica ma anche per intraprendere e svolgere il lavoro di Istruttore e, dal mese di pttobre 2015, di Maestro Nazionale.

Tra i tanti risultati di livello ricordiamo l’accesso al tabellone principale in 4 tornei Futures (dove Gianluca va a caccia di punti ATP) e la recente vittoria del torneo Open alla Società Canottieri Vittorino da Feltre (montepremi di 5000 Euro), risultato tanto più significativo perché ottenuto proprio a Piacenza.
La sua crescita come atleta e come insegnante è e sarà sicuramente influenzata dall’esperienza maturata come sparring partner di Camila Giorgi, attuale numero 30 del ranking WTA.
Notato dal direttore del Centro Tecnico di Tirrenia, l’italo-argentino Edoardo Infantino, Gianluca è stato segnalato allo staff della tennista Italo-Argentina per affiancarla negli allenamenti durante la stagione 2015.

«L’impatto è stato da subito molto positivo - racconta Gianluca - ho visto crescere molto rapidamente l’affiatamento con Camila mentre ho trovato in suo padre una persona molto preparata e colta, che certamente ha giocato e giocherà un ruolo fondamentale nella carriera della figlia. Entrambi mi hanno fatto scoprire un modo di intendere il tennis che non conoscevo».
Dopo la rinuncia, per impegni precedenti, a una trasferta in Australia dove Gianluca avrebbe dovuto seguire la Giorgi in tre manifestazioni tra cui gli Australian Open, il tennista piacentino è stato richiamato per i tornei di Anversa, per il Master 1000 di Indian Wells in California e infine per il torneo di Katowice in Polonia dove la giovane è giunta in finale.


«Queste esperienze mi hanno dato la possibilità non solo di stare a stretto contatto con i primi giocatori del mondo, sogno di qualunque appassionato di tennis, ma anche di osservare tutte le fasi di preparazione a ogni match, il riscaldamento sui colpi fondamentali, la concentrazione negli spogliatoi prima dell’ingresso in campo, le abitudini alimentari. Trovarsi nello staff di una giocatrice di così alto livello fa capire ancora meglio quali siano le problematiche mentali dell’atleta durante il match, il suo livello di pressione e le aspettative che pesano su di lei».

La collaborazione di Gianluca con lo staff di Camila Giorgi ha proseguito nei tornei giocati sul cemento americano. Il tour prevedeva le tappe di Cincinnati e New Heaven prima dell’impegno, certamente più sentito, degli U.S. Open sui campi di Flushing Meadows a New York.
«Parto molto motivato con l’obiettivo di contribuire a portare una giocatrice italiana di grandi potenzialità tra le Top 20. Camila, dal punto di vista atletico, può inserirsi tranquillamente tra le prime 5 giocatrici del mondo quindi i presupposti ci sono tutti».
Le qualità del giocatore e il tempo a favore fanno dunque pensare che Gianluca possa crescere ancora come atleta e come insegnante, sempre diviso tra i campi che l’hanno visto nascere e i palcoscenici più importanti del tennis mondiale.
Alessandro Crescentini
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento