rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
SportLibri

"Il ring di tante vite": lunedì 31 ottobre la presentazione del libro di Mauro Molinaroli sulla Salus et Virtus

Appuntamento lunedì 31 ottobre alle 18 al PalabancaEventi con l'autore e i protagonisti della storia della società piacentina

Centocinquanta pagine con testi e fotografie che illustrano i momenti più importanti della Salus et Virtus, ma anche il lavoro quotidiano, l’impegno del maestro Roberto Alberti con i tanti atleti che hanno conquistato titoli prestigiosi rendendo il pugilato uno sport nobile e ricco di valori. E oggi questi valori vengono portati avanti di giorno in giorno, con tanti giovani e diverse ragazze che hanno conquistato, con impegno e sacrificio, titoli italiani e soprattutto credibilità e riscatto sociale. E’ questo il senso del libro "Il ring di tante vite. La Salus et Virtus: protagonisti e storie" scritto da Mauro Molinaroli con la collaborazione organizzativa di Luca Gabrieli per evidenziare come lo sport sia anche vita e tanti valori. Un volume che coniuga storia, protagonisti di oggi e il ruolo della società pugilistica piacentina sotto il profilo sportivo e sociale.

Si parte dai campioni di ieri: Crosia, Molinari, Civardi, Buzzetti e Pizzamiglio, per arrivare agli anni Novanta, quando Roberto Alberti, decide di acquisire la società caduta in forte crisi e di diventarne proprietario. Un salto importante perché da allora la Salus diventa una palestra popolare, con giovani che si sono dedicati al pugilato sotto il profilo agonistico e chi invece ha preferito svolgerlo a livello amatoriale. Una lunga storia il libro di Molinaroli, in cui i protagonisti dei primi anni Duemila come Aiello, Lopriore, Gherardi, Badagnani, raccontano all’autore vicende, storie e la grande famiglia della Salus. Alberti è per tanti un secondo padre, la coscienza critica di tanti giovani che potrebbero finire in strada, strada dalla quale provengono, e dove invece scoprono il senso delle regole, della disciplina, del fare gruppo in un luogo che è anche scuola di vita.

Viene avanti anche il pugilato femminile con Emanuela Amisani nel 2000 e prosegue con Hasnaa Bouyij e la mitica Roberta Bonatti, seconda ai campionati europei di pochi giorni fa. Il pugilato femminile ha caratteristiche diverse, e la Salus sembra coglierle con grande tempismo. E poi i giovani immigrati che trovano un punto di riferimento nella palestra di via Alberici: Tony Cruz, Amin Bilal, Jon Jon Sabau e più indietro negli anni Massimiliano Chiofalo. Tante storie, tante vite e tanti volti da ring: ragazzi che si allenano e lavorano, che combattono per una forma di riscatto sociale, in una società, la Salus, in cui non esistono divi o presunti tali. Esistono regole e scelte di vita. Non è poco.

Una storia di sport ma anche una storia di uomini, di recupero sociale di tanti giovani, di sensibilità che caratterizza questa società e in particolare il suo maestro e coloro che lo hanno preceduto. Il volume è preceduto dalle presentazioni di Katia Tarasconi, Corrado Sforza Fogliani e Robert Gionelli. Tantissimi i nomi e le storie nel libro per sottolineare l’impegno che la Salus et Virtus ha sempre trasmesso a favore dell’impegno sociale, in tutti questi lunghi anni di storia. Questi meriti sono stati evidenziati anche dal riconoscimento della Stella d’oro al merito sportivo del Coni.

Il libro verrà presentato lunedì 31 ottobre alle 18 al PalabancaEventi di via Mazzini con l’autore, Roberto Alberti e Robert Gionelli. Modera Matteo Marchetti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il ring di tante vite": lunedì 31 ottobre la presentazione del libro di Mauro Molinaroli sulla Salus et Virtus

SportPiacenza è in caricamento