Questo sito contribuisce all'audience di

Rugby Top12 - I Lyons lottano e giocano una buona partita ma sono sconfitti 31 a 8 a Padova

Non si muove la classifica per i Lyons, che però escono dall’Argos Arena di Padova con la convinzione di potere essere davvero una squadra difficile da affrontare per chiunque.

Non si muove la classifica per i Lyons, che però escono dall’Argos Arena di Padova con la convinzione di potere essere davvero una squadra difficile da affrontare per chiunque. Il 31-8 finale è una punizione fin troppo pesante per la formazione bianconera, che ha espresso un ottimo livello di gioco, marcato una meta spettacolare, chiuso il primo tempo attaccata alla capolista, per poi perdere troppo terreno nella ripresa. A cospetto di una squadra più esperta e completa i Leoni hanno combattuto alla pari, venendo però punita per i propri errori e indisciplina: su questo bisognerà lavorare in vista dei prossimi impegni, contro avversari più abbordabili e in cui le partite si decideranno sul filo dei dettagli. L’Argos Petrarca Rugby, dal canto suo, si conferma capolista a punteggio pieno, con 15 punti in tre giornate e la leadership in coabitazione con i rivali del Kawasaki Robot Calvisano.
Partenza equilibrata e tattica, ma il Petrarca è cinico a sfruttare il primo errore bianconero all’8’: dopo un primo tentativo sbagliato Fadalti centra i pali per i primi tre punti del match dai 30 metri, penalizzando un fallo in ruck dei Lyons. Gli avanti bianconeri sono un po’ in sofferenza in mischia chiusa, e appoggiandosi alle fasi statiche il Petrarca può scatenare il suo gioco veloce coi trequarti: al 12’ Rizzo arriva a un passo dalla meta, ma perde l’ovale sul più bello. Le folate dei tuttineri si susseguono una dopo l’altra, ma la difesa Lyons si salva in un paio di occasioni con un po’ di fortuna. Dopo il pericolo scampato i Leoni trovano coraggio e conducono la prima vera azione in attacco al 20’: la sfuriata paga con un calcio di punizione da posizione defilata, con Guillomot che fallisce l’aggancio dalla piazzola. La partita è molto condizionata dal meteo, con tanti errori soprattutto da parte dei padroni di casa, che non riescono ad innescare le proprie azioni veloci.
Per sfondare il Petrarca si appoggia al suo pack di mischia, con due maul ben strutturate che arrivano fino in meta al 29’. Per la prima volta i padroni di casa superano il break sul 10-0. Subito la risposta dei Leoni: Guillomot centra i pali da 40 metri su una punizione per riportare a -3 i suoi. La fiammata Lyons non si esaurisce: Parlatore suona la carica con una gran corsa, Guillomot trova il varco e Marco Conti deve solo tuffarsi in meta. Lyons pienamente in partita, con il palo che nega il pareggio con la trasformazione di Guillomot: 10-8 al 35’. La partita ora è apertissima ed è il Petrarca a ristabilire le distanze con un’azione fulminea dei propri trequarti: Ragusi apre la difesa bianconera e serve Fadalti per la seconda meta dei suoi per il 17-8 del finale di primo tempo, con Guillomot ancora impreciso dalla piazzola prima dell’intervallo.
La seconda frazione si apre con i Lyons all’attacco, ma il tentativo di Drop di Guillomot  esce a destra dei pali. È il Petrarca allora a riprendere in mano la partita, macinando metri con gli avanti e sfruttando anche qualche fallo di troppo dei Lyons, che portano alla terza meta dei padroni di casa al 50’ con il centro De Masi, abile a trovare il varco giusto nella difesa bianconera. Questa marcatura rischia di spezzare la partita, con i tuttineri ora avanti di 16 punti. La partita si fa sempre più “sporca”, con tanti errori da una parte e dall’altra, con il tabellino che non muove per diversi minuti, finché al 69’ su un contrattacco è il Capitano del Petrarca Trotta a involarsi in meta e chiudere virtualmente i giochi, con anche il Bonus offensivo garantito. La partita nel finale scivola via senza ulteriori sussulti, con i bianconeri che attaccano senza riuscire a marcare la seconda meta dell’incontro.
L’occasione di affrontare alla pari una pretendente al titolo non capita spesso, ma per i Lyons ora la testa va subito a settimana prossima, quando si tornerà finalmente al “Beltrametti” per sfidare il Rugby Mogliano, una delle formazioni più in forma in questo inizio di stagione. Non sarà una sfida facile, ma i bianconeri devono assolutamente fare punti per muovere lo “0” in classifica, a cui sono pericolosamente ancorati, unica squadra ancora a secco insieme alla Lazio Rugby, anche se sicuramente non favoriti dal calendario. La strada è quella giusta, il passo decisivo è raccogliere i frutti.

TOP12, III giornata

Argos Petrarca v Sitav Rugby Lyons 31-8 (17-8)

Marcatori: p.t. 7’ cp Fadalti (3-0), 28’ m. Rizzo tr. Fadalti (10-0), 31’ cp Guillomot (10-3), 33’ m. Conti (10-8), 36’ m. Fadalti tr. Fadalti (17-8). s.t. 49’ m. De Masi tr. Fadalti (24-8), 70’ m. Trotta tr. Fadalti (31-8).

Argos Petrarca: Ragusi; Fadalti, De Masi, Capraro (50’ Leaupepe), Coppo; Zini, Chillon (71’ Cortellazzo); Trotta, Manni (59’ Conforti), Nostran; Saccardo, Gerosa (63’ Galetto); Swanepoel (71’ Franceschetto), Carnio (71’ Marchetto), Rizzo (51’ Borean). n.e. Beraldin. All. Marcato

Sitav Rugby Lyons: Via G.; Via A. (73’ Capone), Subacchi, Conti, Bruno (45’ Boreri); Guillomot, Fontana (51’ Efori); Parlatore (52’ Pedrazzani), Bance, Tedeschi (70’ Petillo); Masselli, Grassotti; Salerno (48’ Greco), Rollero (51’ Cocchiaro), Acosta (51’ Cafaro). All. Baracchi

Arb. Gabriel Chirnoaga (Roma)

AA1 Franco Rosella (Roma), AA2 Gianmarco Toneatto (Udine)

Quarto Uomo: Massimo Brescacin (Treviso)

Calciatori: Nicolò Fadalti (Argos Petrarca) 5/6; Guillomot (Sitav Rugby Lyons)  1/3.

Man of the Match: Simone Ragusi (Argos Petrarca)

Note: giornata uggiosa, 500 spettatori circa

Punti in classifica: Argos Petrarca 5 - Sitav Rugby Lyons 0

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fano-Piacenza 2-4: i biancorossi ritrovano il successo in trasferta

  • Piacenza - Matteassi: «Successo meritato». Le pagelle: Paponi è un cecchino, Corradi ispira

  • Rocambolesco pari tra Mantova e Fiorenzuola, il big match termina 3-3

  • Piacenza - Marco Scianò: «Ricompattiamo l'ambiente, solo così si possono ottenere dei risultati»

  • Il Caorso: «Ricevuto insulti razzisti». Il Villanova: «Ricostruzione falsa» e si va per vie legali. FOTO

  • Il Pro Villanova: «Nessuna offesa razzista, a Caorso non è la prima volta che succede un fatto del genere»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento