menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pugilato - Ripresa l'attività della Boxe Piacenza: che beffa per Roberto Betancourt

Il verdetto che doveva consacrare la netta e meritata vittoria del biancorosso si è trasformata in una beffa atroce lasciando sia il ragazzo che i presentiti tutti basiti a non capacitarsi di un epilogo del genere

Il palazzetto dello sport di Grugliasco ha segnato l’inizio dell’attivita agonistica della Boxe Piacenza, l’avvento della buona stagione porterà sicuramente la società biancorossa e i suoi alfieri sui ring più disparati di Italia. Tornando alla riunione di Grugliasco il biancorosso Ratti peso massimo Elite pupillo del tecnico Campanini , e fresco vicecampione regionale, ha incrociato i
guantoni con il beniamino locale pugile molto insidioso e dal palmares impressionante. Il colosso biancorosso, forte di una notevole lucidità mentale ha rintuzzato per le prime due riprese le veementi folate del beniamino di casa,  e forte di un’ottima preparazione  si è giocato tutte le carte nell’ultimo e decisivo round . L’ultimo tempo ha scaldato il pubblico del palazzetto e ha visto Ratti mettere più di una combinazione lineare al corpo e al volto dell’avversario aumentando così i rimpianti per i primi due tempi gestiti in maniera troppo sparagnina il finale infuocato infatti  non è bastato a ratti strappare un verdetto positivo.

Proprio l’infuocato finale e la voglia di arrivare al risultato anche su un quadrato difficile, confermano l’alfiere biancorosso pugile spettacolare e collaudato e gli applausi della platea di Grugliasco ne sono il migliore attestato. La parte tecnica e dirigenziale del sodalizio di via di Vittorio si augura che questo primo impegno stagionale sia per Alessandro il miglior viatico per arrivare a soddisfazione che sia fisico ed esperienza impongono.

VERDETTO AMARO PER BETANCOURT

Il gioiello della Boxe Piacenza Roberto Betancourt ha esordito a Torino nel primo match per la categoria Elite, categoria che vede i pugili combattere senza casco, l’ ecuadoregno ma ormai piacentino d’adozione vi è arrivato dopo un annata che lo ha visto arrivare anche terzo ai campionati italiani seconda serie. Il ragazzo biancorosso dopo una  prima ripresa di studio dovuta anche all’emozione e all’approccio alla nuova categoria ha cominciato a sciorinare la solita boxe fatti di millimetriche schivate e rientri letali; su queste basi il secondo round lo ha visto sempre a segno variando le combinazioni tra parte alte e bassa del corpo e ponendo l’avversario in una chiara situazione di svantaggio da recuperare nell’ultimo tempo.

L’ultimo round è stato il più spettacolare e la boxe di rimessa di Betancourt ha esaltato il pubblico, l’ avversario resosi conto dell’imminente debacle ha attaccato in maniera veemente, ma è caduto nella rete del biancorosso bravissimo e altrettanto lucido a rintuzzare gli assalti avversari. la fine della terza e decisiva ripresa ha visto un Betancourt incrociare con potenti sinistri l’avversario e finendo in crescendo una ripresa che tutta la dirigenza biancorossa ha descritto come trionfale. Il verdetto che doveva consacrare la netta e meritata vittoria del biancorosso si è trasformata in una beffa atroce lasciando sia il ragazzo che i presentiti tutti basiti a non capacitarsi di un epilogo del genere. Grande lo sconforto del pugile biancorosso che vede la sua attività divisa anche fra famiglia e lavoro ma l’ottimo incontro disputato impone al ragazzo e a tutta la parte tecnico dirigenziale a continuare su questa strada spesso impervia e ingiusta ma comunque in prospettiva vincente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento