menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pellini, Minio e Campanini

Pellini, Minio e Campanini

Boxe Piacenza - Minio, Nicolini e Betancourt sul ring in Lombardia

Gerardo Minio, reduce da un ottimo filotto di risultati vincenti, si conferma ai vertici italiani della sua categoria battendo ai punti il quotato Milo della Pugilistica Domino

La Boxe Piacenza Cr accumula risultati e trasferte, questa volta in territorio lombardo, nel capoluogo gli atleti chiamati in causa sono stati Minio Gerardo, Nicolini Luca e Betancourt Roberto. Minio, reduce da un ottimo filotto di risultati vincenti, si conferma ai vertici italiani della sua categoria battendo ai punti il quotato Milo della Pugilistica Domino, il match seguendo il solito canovaccio imposto dal piacentino si è trasformato subito in una battaglia a corta distanza che ha visto il biancorosso vincere in virtù di colpi più potenti e precisi sferrati nella terza ripresa.

Il secondo alfiere dei maestri Campanini e Pellini ad esibirsi è stato Luca Nicolini autore di una prova piuttosto incolore e ben al di sotto delle sue ottime potenzialità, che ha avuto il suo apice negativo in un richiamo ufficiale subito da Nicolini che ha spostato l’equilibrio a favore dell’ avversario. A parziale scusante per Nicolini, una svista arbitrale che ha interpretato un ottimo colpo alla figura come un colpo irregolare permettendo all’ avversario di recuperare e portare a casa l’ incontro. Di svista arbitrale senza dubbio più marchiana è stato vittima Betancourt autore di un match entusiasmante, che non si è chiuso con un netto verdetto favorevole solo per una cervellotica decisione della compagine arbitrale. L’ecuadoregno ormai piacentino di adozione è stato dato sconfitto suscitando lo stupore del pubblico e caso più unico che raro anche nell’angolo dell’avversario ormai certo della sconfitta. La dirigenza biancorossa ha provato a fare reclamo, ma anche un remoto cambio di risultato non darebbe giustizia ad un ragazzo che si divide tra palestra e lavoro e di certo queste ingiustizie non lo aiutano scemandone l’entusiasmo.

La seconda trasferta ha visto Minio esperto elite biancorosso incappare in una disavventura come quella sopra descritta per Betancourt, sul ring di Cernusco sul Naviglio l’alfiere della palestra di via di Vittorio ha incrociato i guantoni contro il portacolori della Boxe Testudo Giuseppe Costanzo beniamino di casa. Costanzo dopo un buon inizio, vedeva Minio crescere in maniera esponenziale fino ad arrivare a portare più volte il pugile milanese alla disfatta, solo i continui quanto inopportuni richiami dell’arbitro permettevano al milanese di finire l’incontro piuttosto provato. Al momento del verdetto la sconfitta di Minio per 2 a 1 portava la dirigenza biancorossa ad un reclamo veemente nella persona del presidente Antonio Orsi stanchi dai tanti assurdi verdetti casalinghi che penalizzano società e atleta, per Gerardo Minio pronta occasione di riscatto sul ring di Lodi contro l’esperto Andrea Cilione della Fight Milano sperando che la sequela di errori smetta di tormentare gli atleti biancorossi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento