menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso della bara nella chiesa della Santissima Trinità

L'ingresso della bara nella chiesa della Santissima Trinità

Volley - «Ciao Gamba, ci hai lasciato un mondo migliore»

Sulla bara la bandiera della Federazione pallavolo, quella che ha tenuto alta per oltre quarant’anni, un pallone tricolore e un libro di tecnica del volley. Ai lati, nella chiesa della Santissima Trinità, tutto il mondo sportivo che ha voluto...

Sulla bara la bandiera della Federazione pallavolo, quella che ha tenuto alta per oltre quarant’anni, un pallone tricolore e un libro di tecnica del volley. Ai lati, nella chiesa della Santissima Trinità, tutto il mondo sportivo che ha voluto tributare l’ultimo saluto a Vincenzo Gambardella, ex numero uno della Fipav piacentina scomparso venerdì scorso. «Mi parlava spesso del suo funerale - ha spiegato don Severino Mondelli - e io gli dicevo sempre: verrà una persona importante ad officiare la cerimonia. Il Gamba invece rispondeva sempre: no, io voglio un uomo di campo, uno come me».
Una frase che più di tutte riassume lo storico numero uno della federazione provinciale: «Non gli piaceva la folla - ha proseguito don Mondelli durante l’omelia - eppure sono state tantissime le persone che in questi giorni sono passate nella camera ardente al Coni per un ultimo saluto. Volevano ricordare un uomo serio, rigoroso, che non esitava a andarci giù pesante se doveva criticarti. Una persona concreta, che non si perdeva in chiacchiere inutili, ma proprio nella sua semplicità si percepiva la sua grandezza d’animo. Non ha compiuto cose strabilianti, ma piccoli gesti importantissimi, senza mai chiedere telecamere o titoli sui giornali».

Inevitabile il ricordo di Gamba allenatore, uno dei ruoli che amava di più: «Era contentissimo quando andavo a trovarlo mentre allenava le sue ragazzine. Mi diceva sempre: qui sto benissimo».
Già, perché la Junior era cosa sua, così come sentiva sue tutte quelle bambine, molte delle quali ora diventate mamme, che ha accompagnato giorno per giorno nella crescita non solo sportiva.

A ricordarne la figura anche Marco Bergonzi, il successore di Gambardella alla guida della Fipav. «Il mondo della pallavolo - ha spiegato - gli deve ogni singola palla giocata, ogni sussulto. Ma soprattutto oltre agli aspetti tecnici, che curava con grandissima attenzione, la cosa più importante era il rapporto che instaurava con ognuna delle sue allieve. Era una persona unica, non si è mai negato a nessuno e uno dei contributi più importanti che ci ha lasciato, dimostrandocelo ogni giorno sul campo, è il divertimento. Per questo dobbiamo prendere esempio da lui affrontando la vita con un sorriso».
Prima dell’ultimo saluto, con la salma tumulata nel cimitero di Sant’Antonio, di fronte a tanti occhi rossi ha parlato anche una delle sue ex allieve, mamma di una ragazza allenata pure lei dal Gamba: «Hai regalato a tutti una giovinezza fatta di gioia e sei riuscito a lasciare un mondo migliore di quello che hai trovato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento