Questo sito contribuisce all'audience di

Il Piace volley fra obiettivi e certificato di qualità

Il Piace volley cresce e si guadagna anche il certificato di qualità, riconoscimento della Federazione che spetta alle realtà di tutt’Italia capaci di rispettare determinati criteri fissati dalla Fipav. Un risultato ottenuto dopo averlo inseguito...

La foto di gruppo del Piace volley alla palestra De Gasperi
Il Piace volley cresce e si guadagna anche il certificato di qualità, riconoscimento della Federazione che spetta alle realtà di tutt’Italia capaci di rispettare determinati criteri fissati dalla Fipav. Un risultato ottenuto dopo averlo inseguito per anni, come spiega Maurizio Moia, anima della società. «Era uno degli obiettivi a cui puntavamo da tempo; abbiamo lavorato a lungo e i nostri sforzi sono stati riconosciuti».

Anche i numeri confermano la crescita del Piace volley, che si è data appuntamento con tecnici, dirigenti, atleti e genitori alla palestra De Gasperi per la foto di gruppo che ha coinvolto tutte le squadre. «Complessivamente - spiega Moia - stiamo parlando di oltre 300 tesserati fra giocatori e allenatori e un totale di 21 squadre che partecipa ai campionati della federazione a cui ne vanno aggiunte 2 in accordo con il River e tutto il movimento del minivolley».
Con la maglia del Piace volley scendono in campo nei tornei federali Under 12, Under 13 promozionale, maschile e femminile, Under 14, Under 16, Terza divisione, Prima divisione maschile e femminile e Serie D. «I numeri complessivi sono simili a quelli dell’anno scorso, in quest’ultima fase abbiamo puntato ad incrementare la qualità degli allenatori; contiamo su 4 tecnici di secondo grado e 7 di primo grado, il resto sono tutti Allievi e Istruttori. Ma non ci limitiamo all’aspetto agonistico, perché concentriamo il nostro lavoro anche nelle scuole».

L’obiettivo da raggiungere è quello di una formazione seniores composta da pallavolisti cresciuti nel settore giovanile: «Il minivolley deve diventare la base da cui attingere per l’Under 12 e via di questo passo fino alle categorie superiori. Ci piacerebbe essere autonomi, dai più piccoli fino alla prima squadra».
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tisci: «Le scuole calcio possono riaprire. Ma sarà vietato colpire di testa»

  • Piacenza - Rosa cortissima e demotivata, se la Serie C dovesse ripartire sarebbe un problema

  • Dilettanti - Piraccini, Bruno, Minasola, Franchi, Lucci, Burgazzoli, Raffo, Guebre e Follini sono i re del gol

  • Vertice Governo-Figc: Serie A e B ripartono il 20 giugno. In stand by la Serie C. E il Piacenza cosa farà?

  • Dilettanti - Altroché "moria", le società di Seconda e Terza Categoria pronte per la prossima stagione

  • Fiorenzuola - Luigi Pinalli traccia la rotta: «Per la nuova stagione servono regole chiare e tempo»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento