Questo sito contribuisce all'audience di

Bergonzi corre per il consiglio nazionale Fipav: «La campagna elettorale un'esperienza stupenda». VIDEO

Domenica a Rimini le elezioni, per la prima volta c'è anche un piacentino fra i candidati

Marco Bergonzi con Carlo Magri. Il piacentino è nella lista del candidato presidente uscente

Il conto alla rovescia ormai è terminato, anche se la storia insegna che molto spesso le ultime ore sono quelle più importanti e, a volte, decisive. Il grosso del lavoro è fatto, la campagna sul territorio si sta chiudendo anche se adesso si intensificano i contatti con gli indecisi. Domenica Rimini ospita l’Assemblea nazionale della Fipav, chiamata a eleggere gli organi dirigenti per il prossimo quadriennio. Candidati a presidente sono il numero uno uscente Carlo Magri, il suo attuale vice Bruno Cattaneo e il cagliaritano Eliseo Secci. Nella squadra di Magri proverà a entrare in Consiglio anche il piacentino Marco Bergonzi, il più giovane fra tutti i candidati, fino a poco meno di un mese fa numero uno della Fipav provinciale e ora costretto per statuto a fare un passo di lato: chi punta a cariche nazionali non può infatti ricoprire ruoli a livello locale.

Le ultime sono state settimane intensissime per Bergonzi, protagonista in prima persona della campagna elettorale. E in attesa di partire per Rimini il dirigente piacentino traccia un bilancio del periodo appena concluso.

«E’ stata una grandissima esperienza, mi ha dato l’opportunità di girare l’Italia e di toccare con mano tante sfaccettature della nostra realtà che è stupenda. Ho trovato tantissima gente che lavora con grande entusiasmo e ha fornito un enorme contributo al programma e alle nostre idee per cambiare questa federazione rendendola più vicina e al servizio del territorio. Ho ascoltato problemi, esperienze differenti, peculiarità, idee, proposte; il nostro impegno è quello di essere sempre presenti e a disposizione di dirigenti, tecnici e atleti, dovunque essi siano. Tenere i contatti con tutte le realtà oltre che essere un piacere è anche molto arricchente».

Per quanto riguarda la campagna elettorale in alcune occasioni si sono anche alzati un pochino i toni. Come giudichi questo aspetto alla tua prima esperienza a livello nazionale?

«Da un certo punto di vista è normale. Dall’altro diciamo che noi abbiamo preferito parlare del programma, delle proposte e delle idee invece di concentrarci sui nostri contendenti. Ma problemi particolari non ce ne sono stati, ci conosciamo tutti, viviamo nello stesso ambiente da tanti anni. A livello personale non c’è astio, però noi abbiamo dato una connotazione precisa alla nostra campagna, concentrandoci esclusivamente sulle cose da fare».

Mancano poche ore alle votazioni, quale può essere a tuo avviso il punto decisivo del vostro programma per far pendere l’ago della bilancia dalla vostra parte?

«Tutti e quindici i punti sono veramente importanti, ognuno rappresenta un modo per cambiare la federazione. Per quanto mi riguarda metto l’indice sull’innovazione tecnologica, un aspetto che alle società cambierà veramente la vita. Nel settore siamo sempre stati avanti, ora dobbiamo compiere un nuovo salto nel futuro e abbiamo enormi opportunità se consideriamo la tecnologia mobile e i social. Bisogna utilizzarli al meglio per semplificare le operazioni burocratiche e per rendere la federazione più vicina a ogni realtà della pallavolo, costituendo una comunity di ascolto per valutare se le decisioni prese sono condivise. Vogliamo anche realizzare un portale unico in cui riunire i programmi gestionali, puntando sul mobile per consentire alle società di effettuare tutte le operazioni anche in mobilità. Poi si potrà andare oltre, magari concentrandoci anche sul referto elettronico e altre iniziative che abbiamo già in mente».

Ma Bergonzi non si ferma e prosegue.

«Voglio citare anche un altro punto del programma, per me rivoluzionario e innovativo: lo sviluppo. La federazione costituisce un fondo e si fa garante per le operazioni di microcredito delle società. Questo permetterà alle nostre realtà di accedere a tutte le possibilità nel mondo del credito senza che vengano richieste garanzie personali al singolo presidente. Può rappresentare la chiave di volta per molti gruppi attualmente in difficoltà, tutti potranno iniziare nuovamente a effettuare investimenti e a riprendersi molto più velocemente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

GUARDA IL VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento