Mencarelli in visita al Volley Academy Piacenza: «Realtà giovane ma molto interessante». VIDEO

Il direttore tecnico delle attività giovanili femminili della Fipav in palestra per seguire gli allenamenti di Under 16 e Under 18. A salutarlo anche Chiara Scarabelli, capitana della nazionale juniores campione del mondo nel 2011 con lo stesso Mencarelli in panchina

Giornata piacentina per Marco Mencarelli, direttore tecnico delle attività giovanili femminili della Fipav e tecnico plurivittorioso con le nazionali giovanili. L’allenatore ha trascorso il pomeriggio in palestra con lo staff e le giocatrici del Volley Academy Piacenza per visionare da vicino l’attività della società che in questi ultimi anni si sta ritagliando un ruolo importante a livello nazionale. Mencarelli ha seguito le sedute di Under 16 e Under 18: «Mi sono ripromesso di valutare l’attività di alcuni dei club più importanti – ha spiegato – perché è un modo per capire la qualità e l’attenzione rivolta alla base, che rappresenta la linfa di tutto il movimento. Vogliamo condividere il lavoro, l’organizzazione, la struttura e la gestione di questi club».

Il tecnico azzurro ha parole di elogio per il Volley Academy Piacenza. «E’ una realtà giovane ma molto interessante, merita la mia attenzione ed è giusto far capire anche a loro quali sono i principi su cui lavoro con il mio staff. Oltre ovviamente a comprendere quali sono le prospettive future».

A salutare Mencarelli anche Chiara Scarabelli, fresca di vittoria nella Coppa Italia di Serie B2 con il Miovolley, società con cui ha anche conquistato la promozione in B1, e capitana della nazionale juniores vincitrice del campionato del mondo nel 2011, gruppo che aveva proprio Mencarelli in panchina.

«Di certo non scopro io le qualità territorio piacentino - ha proseguito il tecnico - anche ultimamente state ottenendo degli ottimi risultati. Per quanto riguarda Chiara è una giocatrice straordinaria, con cui ho avuto l’onore di condividere un appuntamento molto importante nel panorama internazionale giovanile. Oltretutto ha una storia particolare, è un buon esempio di resilienza».

Mencarelli Volley Academy Piacenza

Quest’estate le nazionali maschili e femminili hanno vinto tutte le competizioni a cui hanno preso parte. «Adesso dobbiamo convincere i nostri dirigenti che sono stati mesi surreali. Se passa l’idea che quanto fatto è la norma diventa un problema. Di sicuro abbiamo fatto la differenza dal punto di vista programmatico: nel periodo covid siamo stati perseveranti nel lavoro e nell’attività di eccellenza. Poi nel momento della ripresa il volley è stato preso d’assalto come in passato e questo ha fatto sì che a tanti risultati corrispondesse anche una grande visibilità nei confronti delle più giovani. E’ qualcosa da cavalcare evitando processi di reset che ritengo estremamente pericolosi».

Chiusura con gli aspetti tecnici e fisici su cui ci si basa per selezionare le atlete ad altissimo livello. «Siamo una nazione relativamente piccola, dobbiamo puntare sulla classificazione e capire come ciascun profilo possa essere reso competitivo ai massimi livelli trovando metodi che favoriscano la personalizzazione dei lavori».

Video popolari

SportPiacenza è in caricamento