menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gabriele Cornalba segue una ricezione di Chiara Scarabelli

Gabriele Cornalba segue una ricezione di Chiara Scarabelli

Cornalba sul derby Busa-Fun Food: «Mi aspetto tensione, nervosismo e voglia di vincere»

Il tecnico di Gossolengo anticipa la supersfida di sabato che metterà di fronte la prima e la seconda in classifica nella Serie C femminile

Una carriera costruita alla guida delle formazioni giovanili del Consorzio MioVolley, l’avvento sulla panchina della prima squadra distante soltanto due mesi. Per coach Gabriele Cornalba il derby di sabato fra Busa Trasporti e Fun Food San Giorgio, prima contro seconda in classifica in Serie C, sarà una sfida carica di significati, una partita densa di emozioni. «Non posso che aspettarmi una gara giocata con il coltello tra i denti – racconta il coach della Busa Trasporti – Mi aspetto tifosi che perderanno la voce sostenendo dagli spalti le giocatrici. Mi aspetto tutto quello che è derby: tensione, nervosismo e soprattutto voglia di vincere. Non tanto per la classifica: potremmo anche essere sul fondo; ma perché in partite come questa si prova sempre a dare il doppio e la rivalità non può certo mancare».

Cornalba ha lavorato molto in settimana sul fronte psicologico provando ad infondere la giusta carica ad un gruppo che sotto la sua guida era partito con la sconfitta al tiebreak contro il Volley Cappuccini. Il primo passo falso della stagione cui ha fatto seguito un filotto di sei vittorie consecutive, l’ultima sul difficile campo delle reggiane dell’Arbor Interclays. «Dalla sconfitta in quella trasferta ho lavorato tantissimo per migliorare e migliorarmi. Sono stato chiamato dalla dirigenza con due obiettivi ben precisi: continuare a fare risultati e fare crescere quelle giocatrici che fino a quel momento non erano state prese in considerazione. Maloberti, Cornelli, Bulla, Cobbah e Macedo hanno giocato alcune partite perché lo meritavano: è un orgoglio vedere come pallavoliste cresciute nelle nostre giovanili possano affrontare partite in un campionato non facile come quello di serie C».

Nonostante il primato in classifica e la lente di ingrandimento sul vivaio per Cornalba il lavoro non è certo finito. «Abbiamo provato a cambiare quelle piccole cose che prima non andavano, ma possiamo ancora migliorare. Sono davvero felice di tutto il lavoro svolto dalla società sulle più giovani: quante squadre possono vantare due 2001 come Cricchini e Cornelli in campo?». Proprio Cornelli nel derby di andata riuscì a piazzare i due ace fondamentali per spalancare le porte del tiebreak davanti ad un palazzetto gremito: sarà lei la più giovane in campo a Gossolengo sabato alle 18.00.

A proposito di rose: se Gabriele Cornalba potesse sfilare una freccia dalla faretra del San Giorgio non avrebbe dubbi. «Se dovessi fare una scelta puramente tecnica toglierei la loro palleggiatrice, Micaela Perini. Non dimentichiamo però che San Giorgio da due-tre stagioni sta costruendo una squadra per poter vincere il campionato e quest’anno il loro mercato è stato davvero completo: non potrà che essere partita vera».

Nicolò Premoli

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento