Questo sito contribuisce all'audience di

Il Busa sogna il poker? «Adesso restiamo con i piedi per terra». VIDEO

Dopo tre promozioni consecutive la squadra di Gossolengo inizia a programmare la prossima stagione in B2. Lo sponsor Francesco Busa: «Bilancio positivo, sia per la prima squadra sia per il settore giovanile»

Francesco Busa, sponsor del Busa Trasporti volley neopromosso in B2

Francesco Busa probabilmente è uno dei più giovani dirigenti della nostra pallavolo. Ma è anche una sorta di mosca bianca, uno dei pochi che alle parole preferisce i fatti. Rarissime uscite pubbliche, è fra quelli che quando si tratta di fare una foto, magari per i festeggiamenti dopo una promozione, invece di mettersi in prima fila preferisce piazzarsi dietro a tutti.

Eppure è anche grazie a lui che il progetto Busa Trasporti sta bruciando le tappe. Dalla Prima divisione alla B2 nel giro di tre anni, per una società che non sbaglia un colpo, colleziona promozioni e ha già iniziato a gettare solide basi per la prossima stagione, la prima nelle categorie nazionali. Certo, poi a livello pratico ci sono il presidente Maurizio Beccari, il vice Roberto Ferrari e il direttore sportivo Stefano Mazzari pronti a lavorare sul campo, ma è innegabile che operare avendo alle spalle la solidità garantita da Busa è sicuramente un bel vantaggio.

«Tutto è nato per caso - spiega Francesco Busa - iniziando dalle squadre giovanili del Gossolengo aumentando poi via via il nostro impegno nella pallavolo. Se oggi dovessi tracciare il primo bilancio posso dire di essere soddisfatto dei risultati ottenuti e dei tanti traguardi tagliati».

Dalla Prima divisione alla B2 in tre stagioni. Siete diventati una delle società più importanti nel panorama piacentino bruciando le tappe, questo è sintomo di capacità e di qualità.

«Possiamo contare su dirigenti validissimi, in grado di gestire al meglio l’organico e più in generale una realtà che continua a crescere e a diventare più impegnativa anno dopo anno, sia per quanto riguarda la prima squadra sia per tutto il settore giovanile».

In effetti è naturale che i riflettori siano puntati sulla formazione seniores, ma voi ponete grande attenzione anche ai più piccoli.

«Verissimo, e i risultati dicono che anche da questo punto di vista la strada intrapresa è quella giusta. Ci sono ragazze che stanno emergendo e alcune di queste hanno già esordito in Serie C. Speriamo siano sempre di più le giovani in grado di rinforzare l’organico della prima squadra».

Cosa vi ha spinto a entrare nella pallavolo qualche anno fa?

«A me piace tutto lo sport, credo che vada tutelato e aiutato perché rappresenta un elemento fondamentale per la crescita dei ragazzi. Se ci fossero altre realtà pronte a dare una mano sarebbero senza dubbio ben accolte».

Adesso si pensa al futuro. Dal prossimo agosto inizierete l’avventura in B2, quali possono essere aspettative e obiettivi?

«Senza dubbio ben figurare. Ma non commetteremo l’errore di montarci la testa, affronteremo la stagione provando a superare un ostacolo alla volta per conoscere meglio la nuova categoria cercando di raggiungere buoni risultati».

Dopo tre promozioni consecutive ci avete fatto l’abitudine e sognate di calare il poker?

«Sognare costa poco, ma noi dobbiamo restare con i piedi per terra».

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA A FRANCESCO BUSA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piacenza-Pro Vercelli 1-1: Della Morte trova il pari nel finale su errore di Bruzzone

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva almeno il pareggio. Male Bruzzone, il centrocampo non gira

  • Niente da fare per la Gas Sales Bluenergy, Modena espugna il PalaBanca

Torna su
SportPiacenza è in caricamento