Questo sito contribuisce all'audience di

Volley B - Bakery, balzo in avanti. Canottieri ok

In un Palanguissola caldissimo (con i settori giovanili di Podenzano e del Progetto Mio Volley sugli spalti) il Bakery strappa un successo fondamentale in ottica play off: le biancorosse guidate da coach Andrea Pistola superano la Coveme Vip San...

Massimo Botti, centrale della Canottieri Ongina-2
In un Palanguissola caldissimo (con i settori giovanili di Podenzano e del Progetto Mio Volley sugli spalti) il Bakery strappa un successo fondamentale in ottica play off: le biancorosse guidate da coach Andrea Pistola superano la Coveme Vip San Lazzaro in 4 set e allungano a 7 lunghezze il vantaggio sulla quarta in classifica. La gara è stata una vera e propria battaglia a suon di break e controbreak e di lunghe fasi punto a punto. Nel primo parziale le padrone di casa sono costrette ad inseguire dal 7-10. Dopo aver agguantato la parità, il team piacentino si aggrappa a Laura Nicolini.

Il capitano sfodera un finale di frazione da incorniciare, mettendo a segno la maggior parte dei punti che contano fino ad un 25-18 costruito soprattutto nella fase calda. Il secondo parziale è vietato ai deboli di cuore. Il Bakery è costretta a rincorrere per buona parte della frazione (5-10), Pistola però scuote la sua truppa e l’inseguimento parrebbe concluso sul 18-18, quando le padrone di casa sembrano cambiare passo. Gli attacchi di Secolo portano lo score sul 24-20. Sembra fatta, ma a quel punto Saguatti decide che è arrivato il suo momento: la topscorer della compagine ospite trascina il suo team, che annulla ben 4 set point e chiude con un 29-27 di grande personalità.

Nicolini e compagne potrebbero accusare il colpo, invece tornano subito agli altissimi ritmi del finale di primo set. Si rigioca anche più volte il punto per un equilibrio destinato a spezzarsi solo sul più bello: sul 22-22 è ancora Secolo a suonare la carica. Finisce 25-23. Un vero toccasana per il morale delle piacentine che si esaltano e chiudono la contesa con un set letteralmente dominato (25-10).

Soddisfatto anche coach Pistola: «Siamo molto contenti. Il risultato per noi era fondamentale e devo ringraziare anche tutte le ragazzine del settore giovanile che ci hanno incitato dall'inizio alla fine. Credo abbiano visto una buona partita e spero si siano divertite. Tornando alla partita, San Lazzaro ci ha creato diverse difficoltà, grazie alla predisposizione a difendere. Nel corso della gara siamo cresciute e abbiamo messo in mostra ottime scelte in attacco. Anche fisicamente abbiamo fatto vedere di essere una squadra in salute, giocando ad alti ritmi fino all'ultimo set».

BAKERY PIACENZA – COVEME SAN LAZZARO VIP 3-1
(25-18, 27-29, 25-23, 25-10)
Bakery Volley Piacenza: Arnoldi 16, Mazzocchi (L), Trabucchi 2, Guccione 4, Secolo 24, Nicolini 17, Francesconi 10. Non entrate Amasanti, Cameletti, Panzeri, Brigati, Zangrandi. All. Pistola, vice all. Amani.
Coveme San Lazzaro Vip: Musiani, Forni 2, Galetti (L), Povolo 11, Focaccia 6, Puglisi 8, Spada, Saguatti 23, Vece 3, Mattiazzo 4. Non entrate Zini, Caramalli. All. Casadio, vice all. Guarnieri.
Durata set: 25', 35', 31', 23’. Tot 1h54'.
Battute vincenti 7-4, errate 7-12. Muri 11-9

B1 FEMMINILE - PAVIDEA STEELTRADE, L'IMPRESA NON RIESCE

Le Ali capolista, Pavidea Steeltrade penultima, trentotto punti di differenza in classifica. La logica e le cifre non lasciavano troppo spazio ai sogni di gloria fiorenzuolani. Come dire: tre a zero secco, un'ora di gioco e tutti a casa. Ma a volte realtà e evidenza spazzano via logica e numeri e a volte succede che la gara duri due ore e che il tre a zero secco diventi un 3-1 non proprio agevole. La Pavidea Steeltrade torna dalla trasferta del "Pala Ali" con una sconfitta e qualche rammarico, ma con la certezza di avere disputato una gara di buon livello e la soddisfazione di avere fatto trascorrere alle patavine una domenica col fiatone. La capolista non ha giocato da capolista e la Pavidea Steeltrade non ha giocato da penultima in classifica. Il campo ha accorciato le distanze e se le rossoblù fiorenzuolane avessero commesso qualche ingenuità in meno, forse qualcosa avrebbero potuto portare a casa. Le Ali Padova Project ha avuto nelle schiacciatrici Medea e Trevisan i punti di forza, mentre Chiara Dall'Ora, pur risultando la top scorer, ha avuto qualche pausa di troppo e se l'è cavata grazie alla sua notevole esperienza e qualità tecniche.

LE ALI PADOVA PROJECT-PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA 3-1
(25-15, 25-27, 25-20, 25-16).
LE ALI PADOVA PROJECT: Scardanzan, Trevisan 11, Dall'Ora 18, Bedin (L), Caponi, Grassini 5, Medea 14, Forzan, Segalina, Secco 12, D'Angelo, Bandiera, Bertolotto 6. All: Chiappini. II° all. Amaducci.
PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA: Vignola 1, Barbarini 6, Errichiello 13, Ambrosini 13, Ciarlini, Fanelli 12, Musiari (L), Ghisolfi 2, Arzani, Ferretti 7, Cester. All: Amoros.
ARBITRI: Deborah Decorti di Gorizia e Maurizio Ginexsi di Udine

B2 MASCHILE - CANOTTIERI ONGINA, RISCATTO IMMEDIATO
Dopo una sconfitta, tornare alla vittoria valeva oro. La Canottieri Ongina ha trovato subito la via del riscatto, centrando i tre punti contro il Conto Italiano Mantova e difendendo la vetta della classifica. Per vincere ci sono tanti modi: la squadra di Bruni ha usato quello del film thriller. Il motivo? Avanti 2-0 e 23-20, i monticellesi si sono fatti recuperare, venendo trascinati al quarto set. Le avvisaglie ci erano già state nel primo set, vinto per un soffio dopo esser stati avanti 24-19. Sta di fatto che poi nel quarto parziale Mantova ha giocato al massimo, arrivando fino al 20-16. Qui è uscito il carattere della Canottieri Ongina, dove è stato determinante l'apporto della panchina (vedi ingressi di Alikaj e Fortini),  oltre all'esperienza di capitan Botti, decisivo nel finale e da dieci e lode in pagella, arrivando a quota 20 punti con 4 ace e 7 muri. Tirando le somme di squadra: ottimi i tre punti, molto bene il carattere e così così il gioco.

LA PARTITA - Nonostante una settimana a corto di allenamenti per un problema fisico, Giumelli stringe i denti e scende regolarmente in campo in diagonale con Boniotti, mentre a completare il sestetto della Canottieri Ongina ci pensano le bande Codeluppi e Binaghi, i centrali Merli e Botti e il libero Tencati. Mantova risponde con l'ex Nibbio al palleggio, Speringo opposto, Tognazzoni e Loglisci in posto quattro, Artoni e Manzoli al centro e il giovane Freddi libero.
I monticellesi partono subito forte (4-0) con due contrattacchi vincenti di Binaghi e con l'attacco out di Speringo, poi Giumelli sfrutta il braccio armato di Botti al centro, così i gialloneri di casa si asciugano sull'8-2. Mantova risponde con l'ace di Speringo (8-4), poi il muro di Tognazzoni su Boniotti vale il -3 (12-9), ma la Canottieri risponde per le rime e rilancia con i block di Botti e Giumelli rispettivamente su Artoni e Loglisci per il 16-10. E' sempre il muro a scandire il ritmo del set: gli ospiti ne collezionano due, poi Speringo va giù per il -3 (19-16). Time out Bruni, poi i padroni di casa vanno sul 24-19, si fanno riavvicinare (24-23) e infine raggiungere con il muro di Speringo. Rientra Boniotti per Alikaj (in campo in precedenza), dentro De Biasi per Binaghi in posto quattro, poi decidono l'errore in battuta (il decimo di squadra in questo parziale) di Artoni e il contrattacco di Codeluppi (26-24).

Il secondo parziale inizia con De Biasi in campo e con la ritrovata convinzione dei gialloneri di casa (4-2 con Boniotti), poi la Canottieri Ongina resiste alle bordate di Speringo e sprinta verso il 16-11 con l'ace di Botti e un attacco biancorosso in rete. Diversamente dal primo set, i monticellesi marciano con sicurezza verso il 25-18 che vale il 2-0.
L'avvio di terza frazione è vivace, con il Conto Italiano che mostra una buona verve difensiva. La squadra di Bruni non si scompone e trova il break con il doppio ace di Botti (6-4), vanificato da un'invasione (7-7). Un nuovo servizio vincente, questa volta di Boniotti, regala il + 2 ai padroni di casa (12-10), poi il set rimane in equilibrio, con Mantova che sorpassa con un fallo di posizione fischiato ai locali e con il mani-out di Tognazzoni (17-18). Time out chiamato dalla panchina di Monticelli, poi De Biasi ribalta la situazione, firmando il 19-18 e il muro del 23-20. C'è ancora da soffrire (23-22), anche perché Boniotti spara out il secondo match ball: 24-24. Il Conto Italiano ci crede e viene premiato: muro di Manzoli e fallo sul pallonetto di Botti per il 26-24 che riapre l'incontro.

La Canottieri Ongina accusa psicologicamente il colpo, partendo sotto 3-0 nel quarto set. Bruni prova a invertire la rotta inserendo Binaghi in posto quattro per De Biasi e Alikaj per Boniotti in zona due, ma alla prima sosta i piacentini sono sempre sotto di tre lunghezze (5-8). Il match si infiamma con un cartellino giallo per parte, ma tecnicamente la Canottieri Ongina fa fatica a mettere giù la palla. Bruni tenta la carta Fortini in regia al posto di Giumelli, ma Mantova è sempre avanti, con l'ace fortunoso di Loglisci che determina il 16-12 lombardo. A tentare di rompere quella che sembra una maledizione è Codeluppi (15-17), ma il "solito" Speringo trascina il Conto Italiano (16-20). Capitan Botti suona la carica (muro del 18-20), poi sono due bombe di Alikaj a regalare il -1 (20-21). Time out Conto Italiano, poi è Botti a fermare Speringo per la parità a quota 22. Si arriva in volata, con il capitano che trova l'ace del 24-23 vanificato da
Tognazzoni (24-24). Il ping pong prosegue, fino a che due muri consecutivi di Botti regalano ai locali il 30-28 che chiude i conti.

CANOTTIERI ONGINA-CONTO ITALIANO MANTOVA 3-1
(26-24, 25-18, 24-26, 30-28)
CANOTTIERI ONGINA: Giumelli 1, Botti 20, Binaghi 3, Boniotti 17, Merli 11, Codeluppi 7, Tencati (L), Alikaj 7, Manfredi, De Biasi 7, Fortini. N.e.: Bozzoni, Bernardini. All.: Bruni
CONTO ITALIANO MANTOVA: Nibbio 2, Tognazzoni C. A. 12, Artoni 1, Speringo 32, Loglisci 11, Manzoli 11, Freddi (L), Tognazzoni P., Lo Tito. N.e.: Gelati, Dorini, Borgonovi. All.: Baldassari
ARBITRI: Grasso e Falavigna
NOTE: Durata set: 28', 27', 31', 37' per un totale di 2 ore e 3 minuti di gioco
Canottieri Ongina: battute sbagliate 9, ace 5, ricezione positiva 65 per cento, attacco 43 per cento, muri 9, errori 30
Conto Italiano Mantova: battute sbagliate 20, ace 5, ricezione positiva 45 per cento, attacco 41 per cento, muri 8, errori 32.

Leggi qui le classifiche di B1 femminile e B2 maschile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento