Questo sito contribuisce all'audience di

Volley B - Alsenese, che scatto con la Foppapedretti

Chi ben comincia non sarà a metà dell'opera ma certamente si mette in tasca un risultato importante. La Conad Alsenese fa il suo debutto assoluto in B2 iniziando come aveva finito gli ultimi tre campionati, vincendo. Le gialloblu di patron Faroldi...

5 Lorena Amasanti opposto 2
Chi ben comincia non sarà a metà dell'opera ma certamente si mette in tasca un risultato importante. La Conad Alsenese fa il suo debutto assoluto in B2 iniziando come aveva finito gli ultimi tre campionati, vincendo. Le gialloblu di patron Faroldi - inserite nel girone B - battono in casa la Foppapedretti Bergamo (formazione Under 18 della prima squadra di A1) con un convincente 3-1, come recitano i parziali molto netti, prendendo subito un buon morale in vista di un campionato nel quale l'obiettivo dichiarato sarà la salvezza.
Il tecnico Scaltriti deve fare i conti con la disponibilità limitata della titolare Fanzini (che tuttavia manderà in campo per l'ultimo scambio del match a mo' di premio vista la sfortunata noia fisica riscontrata nei giorni scorsi) ma presenta il sestetto base, ridisegnato solo in posto quattro: diagonale palleggiatore-opposto Losi-Amasanti, bande Pesce e Magno, centrali Ghisolfi-Rovellini, con Gorreri libero.
Si parte con Chiara Pesce e capitan Lorena Amasanti che entrano nella recente storia della Conad rispettivamente battendo il primo servizio in Serie B e segnando il primo punto della gara, che vivrà su un sostanziale equilibrio fino all'11-10, prima di vedere il break importante delle padrone di casa grazie ad un efficace e lungo turno in battuta di Rovellini che porta la situazione sul 18-11. Per Bergamo giusto il tempo di qualche cambio palla che si trova nuovamente a subire direttamente dal servizio: stavolta tocca ad una scatenata Amasanti (9 punti nel primo set, 19 a fine partita col 48%) che sforna tre ace fissando il punteggio sul 24-12. L'errore in attacco di Russo chiude il primo set sul 25-13.

La seconda frazione inizia in accelerazione per l'Alsenese (6-1) salvo subire un contro parziale di 2-6 della Foppa, firmato dal talento grezzo di Valeria Battista (classe 2001 e capace di attaccare il pallone ad altezze impressionanti) e dalla verve dell'opposto Nadia Rossi (classe 1999 e già nel giro della prima squadra), obbligando così coach Scaltriti alla sua prima chiamata discrezionale del match. Il time-out dà una lieve scossa ad Amasanti e compagne che continuano a condurre con un tira-e-molla poco incoraggiante (20-16) seppur Bergamo dia l'impressione di mollare. Invece no, le giovani ospiti restano incollate e mettono la freccia, complice anche una serie di errori della Conad (20-21), che prova ad invertire la tendenza negativa cambiando la diagonale con Canossini e Ghirardotti. I frutti della sostituzione non si vedono e Battista (16 punti finali col 41%) massacra le gialloblu da posto quattro chiudendo sul 20-25, completando una rimonta con un clamoroso break di 0-9.
Nel terzo set la Conad parte in fotocopia a quello precedente (11-3), però stavolta respinge subito i ritorni di Bergamo per effetto di difese più attente (brava Gorreri sia in ricezione col 77% che in copertura) e ritrovando più continuità anche nel gioco al centro (buona la prova di Rovellini con 10 punti e il 64%). Losi a quel punto richiama in causa anche Pesce e Magno che riescono a passare con una certa facilità, poi ancora un errore in attacco di Rossi fissa il 25-14 per la Conad.

Le padrone di casa vedono il traguardo dei 3 punti - già pesantissimi per la classifica - e nel quarto ed ultimo parziale inseriscono il pilota automatico volando sul 10-4 grazie ad un "rigore" di Ghisolfi. Il margine si amplia, per Bergamo Rossi e Battista vengono neutralizzate mentre dall'altra parte riesce tutto facile. Due ace di Magno portano l'Alsenese sul rettilineo d'arrivo e una pipe di Amasanti inchioda il 25-12 sancendo il 3-1 finale. Un risultato buono (e storico) per la Conad per presentarsi la settimana prossima in casa del Picco Lecco (una delle formazioni favorite alla promozione) con un morale decisamente migliore.

SCALTRITI: «SIAMO RIUSCITI A METTERLE SOTTO PRESSIONE»
Marco Scaltriti: "E' stata una partita strana perché nessuno sapeva nulla, noi di loro e viceversa, e non so se è stato un vantaggio esordire contro una squadra così giovane. Abbiamo affrontato una gara più difficile di quanto dicano i parziali, perché loro hanno un grande potenziale e giocatrici con fisici incredibili che spesso si allenano con la prima squadra. Infatti appena abbiamo lasciato spazio ci hanno punito subito quindi per noi è stato un merito imporci così nettamente, mettendole sotto pressione, che poi era ciò che avevo chiesto alle mie ragazze prima della partita. È stato un bene perdere il secondo set perché così impariamo immediatamente che in questa categoria non bisogna lasciare nulla al caso e che ogni set è combattuto. Dovremo essere bravi a fare tesoro dei nostri errori e in questo senso sappiamo che la partita contro Lecco sarà completamente diversa. Affronteremo una delle pretendenti al campionato, dobbiamo fare la nostra partita tirando le somme alla fine. Sappiamo che rispetto alle stagioni passate avremo un obiettivo diametralmente opposto, ovvero salvarci. Farlo in anticipo e in tranquillità equivale ad una vittoria e qui al Alseno ci sono tutte le condizioni necessarie".

Conad Alsenese-Foppapedretti Bergamo 3-1
(25-13, 20-25, 25-14, 25-12)
Conad Alsenese: Pesce 9, Amasanti 19, Magno 15, Losi 2, Ghisolfi 5, Rovellini 10, Gorreri (L); Fanzini, Maini, Canossini, Ghirardotti. N.e.: Gandolfi (L), Faccini. All.: Marco Scaltriti
Foppapedretti Bergamo: Frigeni, Rossi 11, Cometti 7, Crespi 4, Micheletti 2, Russo 7, Rota (L); Ruffa (L), Battista 16, Besana, Civitico. N.e.: Botti, Fumagalli. All.: Matteo Prezioso
Arbitri: Cesare Mazzotta, Angelo Giuseppe D'Alessandro
Durata set: 24', 28', 24', 23', totale 1h39'.
Simone Carpanini

CANOTTIERI ONGINA BATTUTA A CUNEO
Inizia con un passo falso il cammino della Canottieri Ongina nel nuovo campionato di serie B maschile unificata. Al PalaBre Banca di Cuneo, la squadra piacentina si è arresa in quattro set ai padroni di casa della Bre Banca San Bernardo, tornando a casa mani vuote nella prima giornata del girone A. Per il nuovo coach Massimo Botti (reduce da una brillante carriera da giocatore con oltre vent’anni di professionismo), dunque, un esordio assoluto in panchina amaro, mentre i piemontesi bagnano il debutto con tre punti ottenuti in un tempio del volley italiano.
Perso malamente il primo set (25-17), la formazione giallonera ha provato a reagire, cedendo con il minimo scarto il secondo parziale (25-23) che però non ha evitato il 2-0 cuneese. Messi alle corde, Cardona e soci hanno reagito nella terza frazione, vinta 21-25, mentre nel quarto è arrivata la sconfitta in volata (25-23) che ha fatto calare il sipario sull’incontro.
“Siamo partiti – è il commentato di coach Massimo Botti a fine gara – molto contratti, mentre Cuneo ha preso fiducia. Dal terzo set abbiamo fatto meglio, ma nell’ultima frazione abbiamo commesso alcune ingenuità che hanno portato alla sconfitta”. Quindi illustra i più e i meno della prestazione della sua squadra. “Di positivo c’è il progressivo recupero di Cardona, un giocatore molto importante per noi e questo è di buon auspicio. Buoni anche gli ingressi di Binaghi in banda, mentre per conto il muro non ha funzionato e in difesa abbiamo alternato buoni recuperi a palloni che non sarebbero mai dovuti cadere. Nel complesso, non si può partire così male e lasciare due set agli avversari. Questa partita ci ha fatto capire lo spirito con cui tutte le formazioni ci affronteranno e proveranno a metterci in difficoltà”.
Sabato alle 21 a Monticelli la Canottieri Ongina farà l’esordio casalingo contro un’altra formazione piemontese, il Nuncas Sfoglia Chieri.

LA PARTITA – La Canottieri Ongina si schiera con Giumelli in regia, Cardona opposta, De Biasi e Bonola centrali, Nasari e Caci in banda e Bisci libero. Cuneo risponde con la diagonale Coscione-Ariaudo, Brignone e Flavio Cefaratti al centro, Kuznetsov e Risso in posto quattro e Balocco libero.
Il match vede partire meglio i padroni di casa, avanti 8-5, poi sul 12-7 coach Botti chiama time out, anche se Cuneo si asciuga sul +6 (16-10). Entra Binaghi per Caci, ma la Canottieri Ongina è in difficoltà e cede 25-17. Nella seconda frazione, l’avvio è più equilibrato (5-5 e 8-6), anche se è sempre Cuneo a menare le danze, sfruttando Risso e Ariaudo per il 15-10. Messi alle corde, gli ospiti trovano la forza per reagire (16-15), trovando la parità a quota 18 con Cardona e Bonola. Nuovo allungo locale (21-18), seconda risposta ospite (23 pari), poi decidono un’invasione e un ace di Kuznetsov per il 25-23 e il 2-0 targato Bre Banca San Bernardo.
Il terzo set vede una buona partenza di Cuneo (8-6 con Cefaratti), poi Nasari scuote la Canottieri Ongina (8-9) con tre attacchi da posto quattro; la fase centrale è condizionata da errori nelle due metà campo (14-16), con la Canottieri Ongina che piazza il break con De Biasi (14-18), con il centrale giallonero protagonista anche nel finale che consegna il 21-25 alla squadra di Botti. Match riaperto, con il quarto set che è un autentico braccio di ferro che conduce all’arrivo in volata. Sul 22-22, una battuta sbagliata e un muro di Cefaratti su Cardona regalano due match point ai piemontesi: il primo viene sprecato da Risso, il secondo capitalizzato in primo tempo dallo stesso Cefaratti.

I RISULTATI – Questi i risultati della prima giornata d’andata del girone A di B maschile:
Nuncas Sfoglia Chieri-Zephyr Trading La Spezia 3-1
Volley 2001 Garlasco-Spinnaker Albisola 2-3
Bre Banca San Bernardo Cuneo-Canottieri Ongina 3-1
Volley Parella Torino-Benassi Alba 3-1
Pvl Cerealterra Ciriè-McDonald’s Crf Fossano 0-3
Novi Pallavolo-Sant’Anna Tomcar 3-2
Gerbaudo Savigliano-Hasta Volley Asti 3-0
LA CLASSIFICA – Mc Donald’s Crf Fossano, Gerbaudo Savigliano, Volley Parella Torino, Bre Banca San Bernardo Cuneo, Nuncas Sfoglia Chieri 3, Novi Pallavolo, Spinnaker Albisola 2, Volley 2001 Garlasco, Sant’Anna Tomcar 1, Zephyr Trading La Spezia, Canottieri Ongina, Benassi Alba, Pvl Cerealterra Ciriè, Hasta Volley Asti 0.

BRE BANCA SAN BERNARDO CUNEO-CANOTTIERI ONGINA 3-1
(25-17, 25-23, 21-25, 25-23)
BRE BANCA SAN BERNARDO CUNEO: Coscione , Kuznetsov 10, Brignone 3, Ariaudo 20, Risso 19, Cefaratti F. 12, Balocco (L), Amouah 3, De Luigi 1, Giordana. N.e.: Cefaratti M., Germini, Peirano. All.: Berra
CANOTTIERI ONGINA: Giumelli 1, Nasari 10, Bonola 8, Cardona 22, Caci 2, De Biasi 11, Bisci (L), Binaghi 7, Bara. N.e.: Filipponi, Miranda, Pazzoni. All.: Botti
ARBITRI: Strippoli e Martinelli
NOTE: Durata set 23’, 29’, 26’, 27’ per un totale di 1 ora e 45 minuti di gioco
Bre Banca San Bernardo Cuneo: battute sbagliate 10, ace 6, ricezione positiva 62% (perfetta 33%), attacco 48%, muri 6, errori 27
Canottieri Ongina: battute sbagliate 9, ace 3, ricezione positiva 60% (perfetta 31%), attacco 42%, muri 5, errori 28.

PAVIDEA FIORENZUOLA STOPPATA A CASAZZA
Disco rosso per la Pavidea Fiorenzuola a Casazza. Contro la neopromossa Paleni le ragazze di Marini giocano un buon primo set ma poi si devono arrendere alle bordate di Berera e Canevali. Ci provano nel terzo set le piacentine a ribaltare le sorti del match, ma le modeste percentuali in ricezione e la difficoltà di mettere la palla a terra impediscono una rimonta che sembrava possibile e premiano le locali brave a crescere nel corso match e a chiudere in un quarto set condotto con autorità guidate da Colombi che non sbaglia un colpo in ricezione.

Dopo un inizio equilibrato con qualche errore di troppo da entrambe le parti, scappa la Pavidea grazie a due muri perentori di Hodzic. Tosi martella da posto 4 e fiorenzuolane che volano 9-4. Reazione Casazza grazie alla battuta di Canevali che piazza 2 ace e Donida che fatica a passare. 10-10. Qualche errore di troppo in regia dove a Vignola vengono fischiate tre infrazioni di "doppia" in palleggio: 17-16 avanti le locali al time out tecnico. Cattaneo in fast e Tosi con una pipe suonano la carica e grazie a un paio di errori delle ragazze di casa Pavidea che vola 23-17. Blackout piacentino e Casazza torna 23 pari ma una battuta sbagliata e un attacco supersonico di Donida consegnano il set alle piacentine. 25-23

Nel secondo set c'è equilibrio fino al 5-5, poi arriva il break delle bergamasche favorito dai troppi errori-punto delle piacentine. Reazione ospite grazie a Hodzic e Cattaneo che ricuciono parzialmente lo strappo 9-12. Marini prova il cambio in regia con l'inserimento di Scapuzzi per Vignola, ma il muro di Canevali e Berera è letale per Tosi che non trova più lo spazio per passare. Vola 19-13 la formazione di casa. Reazione rabbiosa piacentina guidata da Donida e Hodzic. Un paio di muri consecutivi di Sfogliano riavvicinano le biancorosse 21-19. Ma il finale è tutto della Berera che piazza due muri a Donida e il pallonetto vincente che sancisce il 25-21.

Nella terza frazione iniziano bene le ragazze di Marini, con un ace di Scapuzzi e un paio di missili terra aria di Hodzic scappano 6-3. Continuano le difficoltà per Tosi di mettere palla a terra e le bergamasche riprendono fiducia e guidate da Colombi che in ricezione e in difesa non sbaglia un colpo ribaltano il set portandosi avanti 16-13 al time out. Donida ci prova con le unghie e piazza 4 attacchi vincenti che portano a contatto le due formazioni 23-22. Ma il finale è ancora bergamasco con Trapletti che da seconda linea fa male e chiude 25-22.

Rientrata Vignola in cabina di regia, le piacentine provano a reagire per portare la partita al tie break ma anche nel quarto set nonostante una partenza incoraggiante, avanti 5-2 con due ace di Sfogliano, subiscono la reazione delle padroni di casa che si riportano sotto. Hodzic è in palla e sfonda da posto due: 15-15. Nonostante un paio di belle fast di Cattaneo, il finale è amaro per le biancorosse con Donida e Tosi murate a ripetizione e Casazza che vola a vincere 25-17.

Le bergamasche meritano il successo in virtù di percentuali migliori in tutti i fondamentali. Piacentine che dovranno lavorare in settimana per colmare alcune lacune evidenziate in grassetto da questa partita, dalla ricezione assolutamente rivedibile, alla regia che deve salire di qualità e all'attacco da posto quattro un po' il tallone d'Achille delle biancorosse.
La squadra è molto giovane e ci sta che in trasferta si patisca un pochino ambiente, palestra e emozione, ma da sabato prossimo è attesa una reazione d'orgoglio, tra le mura amiche, contro un Brembo capace di battere la corazzata Offanengo 3-1.

PALENI CASAZZA - PAVIDEA FIORENZUOLA 3-1
(23-25 25-21 25-22 25-17)
Casazza : Savoldi 5, Milesi NE, Carsana NE, Suardi NE, Grigis 5, Dall'Asen 9, Berera 20, Signorelli 7, Colombi (L), Trapletti 10, Canevali 18. All. Mikusova.
Fiorenzuola : Donida 13, Cattaneo 13, Premoli NE, Messaggi NE, Tosi 9, Riboni NE, Ermoli NE, Coti Zelati (L), Morelli, Sfogliano 7, Vignola, Hodzic 19, Scapuzzi 1. All. Marini.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

  • Risultati e classifiche di Juniores, Allievi e Giovanissimi. Il Dpcm chiude i campionati Provinciali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento