menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fausto Colombi, presidente della Canottieri Ongina

Fausto Colombi, presidente della Canottieri Ongina

Adesso arriva anche l'ufficialità: la Canottieri Ongina rinuncia alla A2

I diritti della categoria conquistata sul campo ceduti a Taviano. Il presidente Colombi spiega i motivi: «Non avremmo potuto giocare a Monticelli e il budget richiesto era troppo elevato»

Dubbi ormai non ce n'erano più, adesso arriva anche l'ufficialità con una nota societaria: la Canottieri Ongina rinuncia al diritto conquistato sul campo e non prenderà parte alla prossima Serie A2; si presenterà nuovamente al via del campionato di Serie B che ha vinto pochi giorni fa.

«Cediamo i diritti – spiega il presidente giallonero Fausto Colombi – a Taviano, formazione pugliese che già in passato ha militato in A2. Il nostro consiglio ha effettuato questa scelta dopo aver analizzato la situazione.  I motivi? In primis l’impossibilità di giocare la seconda serie nazionale nel nostro paese, Monticelli d’Ongina. Inoltre, c’è anche un discorso economico, con un budget necessario quattro volte superiore alla serie B». Quindi aggiunge. «I nostri sponsor, tra cui il principale, Cenci, sono molto contenti dei nostri risultati e noi li ringraziamo per il loro indispensabile sostegno, ma stanno già facendo il massimo. Inoltre, non si sono avvicinati altri imprenditori». Dunque sarà nuovamente serie B. «Cercheremo – prosegue Colombi – di tenere la rosa inalterata e puntiamo nuovamente in alto, ben sapendo che vincere ancora sarà molto difficile e che tutti ci aspetteranno al varco».

In futuro potrebbero esserci spiragli per un’effettiva partecipazione all’A2 in caso di nuova promozione? «Se si risolvesse il problema dell’impianto, ci si potrebbe pensare. Abbiamo già iniziato a parlare con l’Amministrazione comunale di Monticelli in merito a un possibile ampliamento del palazzetto; c’è stato un primo sopralluogo e un altro è in programma prossimamente». La seconda squadra giallonera, neopromossa in B, dovrà ripartire dalla C. «In questo caso la situazione era blindata: due squadre in B non si possono iscrivere e nel caso avessimo fatto l’A2, avremmo dovuto schierare una formazione under 21». Nel frattempo, due pilastri sono stati piantati: le conferme in panchina di coach Massimo Botti per la prima squadra (dunque in serie B) e di Mauro Bartolomeo per la seconda formazione giallonera (serie C):

Il presidente della Canottieri Ongina chiude il cerchio dei ringraziamenti  per una stagione storica culminata (e questo resterà comunque in modo indelebile) con due promozioni. «All’approdo in A2 hanno contribuito anche le guide tecniche di questi anni; non possiamo dimenticare Gabriele Bruni, autentica “bandiera” della nostra società nonché monticellese doc, e Marzia Grandi. Inoltre, a livello dirigenziale un grazie va anche alla segnapunti Isabella Bassini, sempre presente nelle nostre avventure in serie B, allo staff medico con il dottor Carlo Pini e il fisioterapista Federico Pelizzari e alla fotografa Annarita Zilli, arrivata con noi negli scorsi mesi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento