Questo sito contribuisce all'audience di

Si dividono le strade di Alessia Arfini e del Nure volley. «Ho bisogno di nuovi stimoli»

La giovane piacentina lascia la squadra di Serie B2 e si trasferisce in Lombardia, a Ripalta Cremasca

Alessia Arfini lascia San Giorgio dopo 4 stagioni

Due Under 18 provinciali, una Under 18 interregionale, una Seconda divisione, due semifinali playoff, una promozione in B2 e la salvezza nell'anno successivo prima dello stop per covid: è questo il bilancio di Alessia Arfini nei quattro anni passati a San Giorgio. Ora la schiacciatrice piacentina cambia rotta, lascia la nostra provincia e va in Lombardia a Ripalta Cremasca, dove rinforza la formazione che prendereà parte alla prossima Serie C. «Sono stati anni fantastici - racconta la 18enne giocatrice - pieni di vittorie ma anche di delusioni, come le mancate finali per la promozione in B2. A San Giorgio dove sono cresciuta pallavolisticamente e maturata come ragazza. Sono arrivata nel 2016 a soli 14 anni, in punta di piedi e fortissimamente voluta dalla società e contro il parere di tutti che davano la scelta come errata. Ho trovato persone serie, piene di progetti e una società che mi ha regalato il sogno prima di vincere la C e dopo di affermarmi in B. Ora però questo stop forzato mi ha fatto riflettere, era finito un ciclo ho bisogno di stimoli ho ancora 18 anni e voglio rimettermi in gioco con nuove sfide. Ne ho parlato con la società che, non finirò mai di ringraziare perché ha capito il mio momento, e di comune accordo abbiamo deciso di interrompere il nostro rapporto».

Chi devi ringraziare per questi 4 anni?

«Ovviamente tutte le compagne che ho avuto e che mi hanno aiutato a crescere e gli allenatori che mi hanno insegnato pallavolo. Ma se proprio devo fare dei nomi allora dico Pippo Amani, mio primo allenatore che ho avuto a San Giorgio, Massimo Gregori e Giuseppe Vincini, rispettivamente direttore sportivo e presidente, colonne portanti della società. E non voglio dimenticare il mitico Ovidio, instancabile custode della palestra e di tutte noi».

Dove inizierai una nuova avventura?

«In Lombardia a Ripalta Cremasca in Serie C, in una società ambiziosa con un progetto importante che mi ricorda tanto il primo San Giorgio. Troverò un campionato importante e nuovi stimoli per crescere ancora; spero di portare tutto il mio contributo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento