Questo sito contribuisce all'audience di

Gas Sales, tre vittorie per la Superlega

Domenica alle 18 al PalaBanca inizia la serie di finale con Bergamo: sfida al meglio dei cinque incontri, Gara2 il primo maggio a Bergamo

L'esultanza di Yudin e Fanuli

Una stagione intera si decide in due settimane. Tre partite (cinque al massimo, in base ai risultati) per svelare chi potrà festeggiare la promozione in Superlega e chi invece dovrà ripresentarsi ai blocchi di partenza della Serie A2 il prossimo ottobre. A giocarsi il traguardo più importante dell’anno sono le due assolute protagoniste della stagione: la Gas Sales e Bergamo. Dopo la Coppa Italia e la lotta in campionato ecco che la sfida si ripresenta anche nella finalissima play off promozione, al via da domenica alle 18 al PalaBanca, con gara2 il primo maggio in Lombardia. I precedenti sono tutti a favore dei biancorossi, ma la finale di Coppa Italia ha fatto capire che il livello delle due formazioni è molto simile. Anche se allora la Gas Sales (come nella gara di andata) non aveva a disposizione Giulio Sabbi e giocava con Alessandro Fei da opposto. L’unico confronto con la rosa al completo fu alla penultima giornata di campionato, ma il netto 3-0 per i biancorossi arrivò in un momento in cui i giochi per la graduatoria erano già fatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da domenica sarà tutto differente perché in palio c’è l’obiettivo di un’intera stagione ed è normale che nessuno voglia perdere. Piacenza ha spalle larghe per reggere la pressione, Bergamo non avrà il vantaggio del fattore campo e proprio per questo cercherà di giocare un brutto scherzo ai biancorossi già dalla prima partita. «Non possiamo nasconderci dietro a un dito, i favoriti siamo noi» ha spiegato in settimana Giulio Sabbi, alla sua prima finale play of di Serie A2 come d’altronde anche Alessandro Fei, ma solo perché in A2 il capitano biancorosso non aveva mai giocato. I due totem della Gas Sales di gare simili ne hanno vissute a quintali, toccherà a loro indicare ai compagni la strada da percorrere per transitare a braccia alzate sotto la bandiera a scacchi.

Come in tutte le serie, normalmente Gara1 è la più difficile perché indirizza il percorso e le sfide successive, per questo sarà fondamentale partire con il piede giusto, anche se in finale la formula prevede il successo in almeno tre partite e dunque concede la possibilità di recuperare eventuali errori iniziali. Ma Piacenza dopo un avvio complicato nei quarti con Brescia è entrata pienamente nel clima degli spareggi, viaggia a velocità elevata e da domenica non avrà alcuna intenzione di rallentare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento