Questo sito contribuisce all'audience di

Tondo: «La Gas Sales è pronta per la finale, adesso sotto a chi tocca». VIDEO

Il centrale biancorosso in vista della sfida decisiva con Bergamo: «Qualche giorno di riposo in più è stato fondamentale. E anche la serie al meglio delle cinque partite potrebbe incidere»

Alessandro Tondo esulta dopo un punto

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dubbi ce n’erano pochi anche prima, adesso arriva la certezza: sono Gas Sales e Bergamo le dominatrici assolute della Serie A2. Dopo essersi giocati la Coppa Italia le due formazioni saranno protagoniste anche della finalissima play off promozione che inizierà domenica 28 aprile al PalaBanca. I biancorossi avranno il vantaggio del fattore campo e potranno giocare almeno due gare in casa nella serie che, contrariamente a quarti e semifinali, si disputerà al meglio delle cinque partite.

Alessandro Tondo e tutta la Gas Sales sono pronti per affrontare l’ultimo ostacolo, quello decisivo. Aumentano le difficoltà, ma il gruppo emiliano è sereno e concentrato per sfondare la porta che indirizza verso la Superlega.

Massimo Botti aveva detto che per vincere a Spoleto avreste dovuto giocare meglio rispetto a Gara1: visto il risultato ci siete riusciti?

«E’ arrivata una buona prestazione – spiega il centrale della Gas Sales – non so se sia stata migliore rispetto alla sfida del PalaBanca, ma siamo riusciti a chiudere la contesa rimanendo più lucidi nei punti decisivi. Sono stati tutti parziali tiratissimi e la differenza l’hanno fatta pochi dettagli: una battuta o un muro ci hanno permesso di uscire vincitori».

E quando i palloni sono pesanti voi potete contare su giocatori che di punti simili ne hanno giocati tanti. Tu sei uno di quelli.

«Se parliamo di esperienza – sorride – di fianco agli altri un po’ scompaio. Che la nostra squadra abbia un'enorme caratura è risaputo, infatti anche per quello si è creata una grande aspettativa e anche un po’ di pressione. Fino a questo momento ce la siamo cavata egregiamente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento