rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Volley A1 maschile

Zlatanov ha deciso: «Ha prevalso il cuore, resto a Piacenza»

Alla fine Hristo Zlatanov resta a casa. Turchia, Russia, Brasile, Cina e negli ultimi giorni anche l’assalto di Latina sono andati a vuoto; il capitano ha scelto di rimanere al Copra Elior per l'undicesima stagione consecutiva...


Alla fine Hristo Zlatanov resta a casa. Turchia, Russia, Brasile, Cina e negli ultimi giorni anche l’assalto di Latina sono andati a vuoto; il capitano ha scelto di rimanere al Copra Elior per l'undicesima stagione consecutiva.

«Sono estremamente felice e finalmente sereno - spiega il capitano biancorosso poche ore dopo aver trovato l’accordo con il presidente Guido Molinaroli - di essere rimasto qui per tanti anni. E adesso sono riuscito a prolungare la mia permanenza per altre stagioni. Ho lottato per rimanere e ce l’ho fatta a restare a casa, intesa come famiglia e come città».

Cosa ti ha convinto a rimanere? Solo l’aspetto del cuore o c’è altro?
«L’aspetto del cuore è stato molto importante. Fondamentali sono stati i tifosi, mi hanno marcato stretto mostrandomi sempre il loro calore. Non solo in quest’ultimo frangente, ma da quando sono arrivato a Piacenza fino ad ora. I soldi contano, non si può negare, ma ci sono anche altre cose che ti fanno andare avanti e per me sono più importanti».

L’aspetto economico in Italia è un problema non solo a Piacenza ma anche in altre realtà. E’ la seconda volta che rimani al Copra in situazioni particolari: lo avevi fatto quando c’era stato un ridimensionamento complessivo, ti ripeti adesso in una squadra che comunque offre molte più garanzie rispetto a quella di tre stagioni fa.
«Resto con tanto piacere. Probabilmente saremo ancora più forti dell’anno scorso e lotteremo per tutti gli obiettivi che avremo a disposizione durante la stagione. E’ pane per i miei denti, anche questo è stato determinante».

Hai già fatto capire che non hai scelto di rimanere per chiudere la carriera in tranquillità. C’è una Champions da giocare e con questa rosa in campionato potrete lottare ancora per le prime posizioni.
«La Champions è difficile, proveremo ad arrivare più avanti possibile anche se di fronte avremo formazioni di altissimo livello. Noi non siamo da meno, come sempre mettendoci un pezzo di cuore ce la possiamo fare».

Hai detto che stanotte hai passato qualche ora insonne dopo aver avuto la garanzia di rimanere a Piacenza.
«E’ stato il primo giorno di vacanza, perché sono stati mesi travagliati alla ricerca di qualche soluzione che non arrivava mai. Poi dopo la firma ero a casa da solo, mi sono messo in giardino e ho pensato a tutto questo periodo trascorso a Piacenza e a tante altre cose. E’ stato molto bello».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zlatanov ha deciso: «Ha prevalso il cuore, resto a Piacenza»

SportPiacenza è in caricamento